Home Filo diretto Quali sono i tempi di attesa per un camper nuovo?

Quali sono i tempi di attesa per un camper nuovo?

da Redazione
7 letture

Buongiorno, siamo alla ricerca di un camper che possa corrispondere alle esigenze di neo pensionati. Ci stiamo documentando e chiediamo notizie e consigli a chi usa camper da anni. L’unica certezza è preferire un veicolo nuovo, tipologia van, piuttosto che adattarci ad un usato. Ad oggi però abbiamo trovato tra i rivenditori proposte di vendita con consegne superiori a nove mesi. Eppure non chiediamo un veicolo su misura o fuori serie! Flavio C. – Rovereto

Caro Flavio, purtroppo quello che riferisce non ci sorprende affatto. Negli ultimi due anni, il buon andamento che era già in atto sulle vendite dei camper da qualche stagione, complice la pandemia che ha fatto avvicinare a questi veicoli tantissimi nuovi utenti, è diventato un vero e proprio boom e come prevedibile i tempi di consegna ne hanno risentito. Non è infatti facile modificare in tempi brevi, se non per pochi numeri percentuali minimi, la produzione di veicoli così complessi da un punto di vista costruttivo come i camper. I veicoli ricreazionali hanno infatti bisogno non solo della parte telaistica e meccanica di base come i furgoni ma anche della parte abitativa, che comprende lo sforzo combinato di fornitori e maestranze per assemblare le varie parti che costituiscono la cellula, con centinaia di prodotti necessari e specifici per i servizi di cui sono dotati questi mezzi che hanno a che fare con circuiti idraulici, di riscaldamento, per la cucina, per il bagno, oltre che complessi circuiti elettrici, elettronici e batterie speciali per gestire la vita a bordo durante la sosta e i delicati sistemi di sicurezza per il gas.
Su questo boom di vendite si è abbattuta poi una imprevista crisi, anch’essa indirettamente causata dal Covid e dallo stop delle produzioni di componenti e scambi dei commerci nel mondo automotive legati alla pandemia, che ha colpito pesantemente le case automobilistiche produttrici dei telai di base dei camper (e non solo, anche il settore auto) con la ormai nota mancanza sul mercato di semiconduttori e chip per far funzionare l’elettronica di moltissime funzioni dei veicoli, tanto che la Fiat, primo fornitore del settore con il Ducato che fa quasi i tre quarti del prodotto camper fino a 35 quintali, è stata costretta a settimane di stop forzato e cassa integrazione del suo più importante stabilimento in Europa (la Sevel in Val di Sangro, vicino Atessa in Abruzzo).
Tutti questi fattori hanno portato ad una tempesta perfetta: domanda del prodotto altissima ma disponibilità sul mercato addirittura minore alle stagioni diciamo così “normali”, quelle fino al 2019 per intenderci. Si noti che in Italia abbiamo avuto una sicuramente una bella crescita delle richieste di camper nelle ultime due stagioni, ma in Europa si è arrivati – negli anni 2020 e 2021 – a cifre percentuali sempre a doppia cifra, o addirittura quasi anche vicine al raddoppio, e su mercati che già facevano numeri enormi rispetto al nostro. Capirà che, pur assicurandole che le aziende hanno fatto sforzi oltre i limiti dell’immaginazione per reperire i componenti che mancavano (e spesso alcuni camper venduti su base meccanica diversa da quelle solite ne sono la testimonianza), i tempi di consegna si sono dilatati oltre misura, arrivando anche ben oltre i nove mesi che lei ci riporta, facendo anche ovviamente schizzare verso l’alto dei prezzi del nuovo (che inevitabilmente ha trascinato anche l’usato): la legge del rapporto tra domanda e offerta del mercato è purtroppo inesorabile, se un prodotto molto richiesto manca, i tempi di consegna si allungano e i costi salgono!
Già cinque mesi fa avevamo parlato dell’argomento (vedi https://www.girareliberi.it/acquisto-del-camper-2022-lunghe-attese-meglio-programmare-con-anticipo/) ma c’è da dire che purtroppo la situazione sembra sia ulteriormente peggiorata; si parla, tra gli addetti ai lavori, di un ritorno alla quasi normalità nella stagione 2023, sempre che purtroppo non intervengano altre crisi internazionali come quelle che stiamo vivendo.

Non perderti:

Lascia un commento

GirareLiberi.it é un organo di informazione indipendente in corso di registrazione presso il Tribunale.

Foto, video, documenti, testi ed elaborazioni grafiche pubblicati sono di proprietà della Redazione, degli autori o dei fornitori di GirareLiberi.

Dati, foto, video e contenuti che ci venissero proposti da lettori, fornitori e inserzionisti o terze parti, vengono da noi usati in quanto liberi da diritti. Potranno essere da noi pubblicati senza menzione di origine.   I testi, le foto, le elaborazioni grafiche  e i video editi da GirareLiberi non possono essere copiati o tuttavia utilizzati in forma digitale o cartacea. Non é consentita la diffusi o rielaborazione  anche se solo parziale  senza il consenso espresso della Redazione.

@2021 – P.Iva IT02613410204   GirareLiberi Srl