Home Enogastronomia Festival del tartufo bianchetto e vino bianchello DOC

Festival del tartufo bianchetto e vino bianchello DOC

da Redazione
10 letture

Il 16-17 e 23-24 marzo torna a Fossombrone (PU) il classico appuntamento che esalta un prodotto d’eccellenza della Valle del Metauro e mette in mostra le bellezze dell’antica Forum Sempronii. C’è chi consiglia di utilizzarlo fresco e chi appena scottato in padella. Chi lo trova irresistibile sulle tagliatelle e chi invece preferisce abbinarlo ad una frittata o “spolverarlo” sopra delle scaloppine fumanti.


In qualsiasi salsa lo si declini, il Tuber Albidum Pico, più noto come Marzuolo o meglio ancora come ìl Bianchetto, tornerà ad essere il re indiscusso della Valle del Metauro la quarantesima edizione della Mostra del Tartufo Bianchetto, prodotto DOP della Regione Marche e riconosciuto quindi dall’Unione Europea per l’origine e il procedimento di lavorazione.

Dopo il successo delle edizioni precedenti, l’edizione 2024 è pronta a tornare tra animazione, cultura, degustazioni, stand ed eventi sportivi, tanti appuntamenti che per due week end vedranno l’antica Forum Sempronii al centro dell’attenzione.


Il tartufo bianchetto ha una scorza liscia e chiara, le sfumature del rivestimento vanno dall’ocra chiaro fino all’arancio scuro a seconda del periodo di maturazione e del territorio in cui viene raccolto. La gleba è invece chiara, con venature, tendente al bianco quando il fungo sotterraneo è giovane e più rossastra a maturazione avanzata. L’aspetto della scorza, al contrario di altre tipologie di tartufi, è piuttosto liscio.Il periodo di raccolta e commercializzazione del tartufo bianchetto va dal 15 gennaio al 15 aprile. I terreni che accolgono con più favore questa tipologia di tartufo si trovano sia in zone costiere che marittime con pinete e terreni acidi e sabbiosi, sia in zone con un clima più montano e fino ai 1000 metri sopra il livello del mare. Il tartufo bianchetto è definito “rustico” in quanto ha un prezzo più accessibile rispetto al bianco o al nero pregiato ma questo non ne pregiudica la qualità. Nonostante il prezzo inferiore, infatti, è capace di rendere speciale anche la ricetta più semplice con il suo aroma caratteristico capace di insaporire anche l’insalata o il brodo più casereccio.
Info: https://www.facebook.com/tartufobianchetto/
A cura di Roberto Serassio

Non perderti:

Lascia un commento

GirareLiberi.it é un organo di informazione indipendente in corso di registrazione presso il Tribunale.

Foto, video, documenti, testi ed elaborazioni grafiche pubblicati sono di proprietà della Redazione, degli autori o dei fornitori di GirareLiberi.

Dati, foto, video e contenuti che ci venissero proposti da lettori, fornitori e inserzionisti o terze parti, vengono da noi usati in quanto liberi da diritti. Potranno essere da noi pubblicati senza menzione di origine.   I testi, le foto, le elaborazioni grafiche  e i video editi da GirareLiberi non possono essere copiati o tuttavia utilizzati in forma digitale o cartacea. Non é consentita la diffusi o rielaborazione  anche se solo parziale  senza il consenso espresso della Redazione.

@2021 – P.Iva IT02613410204   GirareLiberi Srl