Home Turismo lento Slow Tourism, torna Cittaslow Sunday

Slow Tourism, torna Cittaslow Sunday

da Redazione
70 letture

Esplorare la ricca rete di sentieri italiani a piedi, pedalare da una località all’altra lungo sceniche piste ciclabili, degustare prodotti tipici e immergersi nelle tradizioni locali partecipando alle feste di paese, sono tutte attività che incarnano l’essenza del turismo lento nelle località Cittaslow. Queste esperienze permettono di prendersi una pausa dal ritmo frenetico della vita quotidiana e di apprezzare le meraviglie uniche del nostro territorio. L’autunno si rivela la stagione perfetta per concedersi una vacanza all’insegna del totale relax, magari in occasione con la Giornata Internazionale del buon vivere slow, un evento dedicato a celebrare il concetto di Cittaslow.

Amelia

Cittaslow Sunday, la Giornata Internazionale del buon vivere slow
Domenica 24 settembre 2023 è la Giornata Internazionale del buon vivere slow, slogan e filosofia di Cittaslow. Giunta alla 14a edizione, Cittaslow Sunday è l’occasione per promuovere universalmente concetti e progetti di Cittaslow.
In questo giorno ogni comune appartenente a Cittaslow organizza una o più iniziative nel proprio territorio ispirandosi al concetto del buon vivere slow. Sindaci delle piccole città della rete, cittadini, ma anche viaggiatori ospiti possono portare il proprio contributo concreto per la sensibilizzazione di queste tematiche a favore di una qualità di vita migliore. Tra i settori di impegno: le politiche ambientali, le politiche sociali, l’agricoltura e le produzioni di territorio, il turismo di comunità. Cittaslow Sunday è più che mai utile in questo momento in cui le crisi delle 3F fuel-food-financial si intrecciano in alcuni paesi con quelle di relazioni, valori e prospettive di qualità per la vita delle future generazioni.
Si va dal Mercato Cittaslow con i produttori locali alla mostra fotografica con personaggi, progetti, disegni della vita slow della città, dalla promozione degli Orti didattici comunali alle rassegne artistiche e musicali, con artigiani e artisti di strada,

Slow Tourism attraverso i cammini
“Cammino Slow” https://www.cittaslow.org/cammino-slow e per la rete internazionale “Cittaslow Trail” https://www.cittaslow.org/project/cittaslow-trail: si tratta di piattaforme web in italiano ed inglese dedicate all’outdoor, create da Cittaslow per promuovere il turismo lento. L’obiettivo? Conoscere il territorio ed esplorarne ogni angolo attraverso sentieri da percorrere a piedi. Escursioni e trekking, cammini lungo le antiche vie, nordic walking, equiturismo, skyrunning e passeggiate meditative. Sono tutte esperienze all’insegna della sostenibilità ambientale e sociale, che mettono insieme turismo, lentezza e territorio e che permettono di scoprire, attraverso il circuito Cittaslow, ambienti sconosciuti e di pregio, paesaggi tra i più interessanti.
Tra le numerose Cittaslow coinvolte non possiamo che iniziare con Greve in Chianti, in Toscana, dove di recente l’Amministrazione comunale in collaborazione con Cai Firenze ha inaugurato una nuova rete sentieristica. Sei percorsi ad anello storico-naturalistici, corredati di segnaletica e accessibili a tutti, per oltre 70 km di camminate alla scoperta del territorio.

Cisternino

Dalla Toscana scendiamo fino alla Puglia, dove la Cittaslow Cisternino presenta diversi trail a stretto contatto con la natura. Tra gli itinerari: Monti Comunali, Marinelli, Monte Castel Pagano, Monte Specchia-Cirasulo. Il paesaggio è quello tipico della Murgia e della Valle d’Itria, con masserie e tratturi contornati da muretti a secco e alberi monumentali di olivi e carrubi. E ancora roccia calcarea che si alterna a ricca vegetazione di macchia mediterranea, boschi misti a pino d’Aleppo con esemplari secolari, terrazzamenti e trulli, cisterne d’acqua fino al maestoso acquedotto pugliese. Un interessante itinerario naturalistico è quello che da Monte Pizzuto conduce a un sito geologico rappresentato da un affioramento su roccia carbonatica di numerosissime tracce di molluschi fossili tipici del Cretaceo, risalenti quindi a 150-65 milioni di anni fa.

Lungo le ciclabili per godersi il paesaggio
Protagonista dello Slow Tourism è anche la bicicletta che permette di esplorare il territorio con lentezza, godendosi i panorami e i rapporti con gli abitanti del posto, un mezzo perfettamente sostenibile che sposa la mobilità dolce.
Riflettori accesi, a questo proposito, sulla Cittaslow Pineto, in Abruzzo, che si conferma ComuneCiclabile, grazie ai 4 “bikesmile” assegnati anche quest’anno da Fiab (Federazione italiana Amici della bicicletta). Tra le motivazioni anche la tanto attesa apertura del ponte sul fiume Vomano lungo la Ciclovia Adriatica, importante sia dal punto di vista dei trasporti, sia naturalmente per il turismo. L’imponente passerella in legno permette a pedoni e ciclisti di raggiungere in completa sicurezza il vicino Roseto e completa di fatto la ciclovia adriatica che vanta un percorso di circa 130 km.

Levanto

Ci spostiamo in Liguria dove la Cittaslow Levanto mette a disposizione degli amanti della bicicletta la ciclabile che porta a Framura, un itinerario da percorrere lentamente per godere dei panorami mozzafiato sul mare. Il facile percorso pianeggiante segue il tracciato ferroviario dismesso e riqualificato e si snoda anche tra le antiche gallerie del treno, ben illuminate e segnalate, che grazie a una ristrutturazione conservativa dona alla pista un aspetto d’altri tempi. Le arcate delle gallerie inoltre formano delle terrazze naturali con splendide viste sulle calette sottostanti.

Autunno e prodotti tipici
C’è un altro modo per fare Slow Tourism e godersi il territorio: conoscerne tradizione e tipicità. Uno strumento fondamentale in questo senso è rappresentato da sagre paesane e feste di comunità, che permettono di avvicinarsi alla cultura del posto, stringere relazioni con le persone e gustare i prodotti tipici locali. L’autunno tra l’altro è la stagione ideale per assaggiare specialità culinarie originali e uniche.
Tra i prodotti di stagione, il tartufo è una vera prelibatezza da degustare ad esempio nella Cittaslow Acqualagna nelle Marche che propone la sua Fiera Nazionale del Tartufo Bianco, ma anche ad Abbiategrasso in Lombardia, nell’ambito della manifestazione AbbiateGusto. È un’occasione per provare ricette tipiche e conoscere nuovi utilizzi in cucina.

Todi

Dal tartufo all’olio, protagonista in diverse Cittaslow umbre con “Frantoi aperti”, tra cui Todi e Amelia con il suo AmerinOlio. Sono appuntamenti che permettono di valorizzare le piccole produzioni locali attraverso degustazioni guidate di olio extravergine d’oliva, visite ai frantoi, laboratori didattici, ma anche passeggiate e momenti musicali tra gli ulivi.

Cittaslow, Città del Buon Vivere
Lentezza positiva, economia circolare, resilienza, sostenibilità e cultura, giustizia sociale. Sono alcuni dei principi guida di Cittaslow, associazione che raggruppa piccoli comuni e città, fondata nel 1999 a Orvieto. L’obiettivo delle Città del Buon Vivere, il cui slogan è “innovation by tradition”, è quello di preservare lo spirito della comunità, trasmettendo memoria e conoscenza alle nuove generazioni, per renderle consapevoli del loro patrimonio culturale. Ma anche promuovere e applicare innovazione tecnologica, di sistema e gestione, a favore della sostenibilità.
Oggi Cittaslow è un marchio di qualità presente in 88 comuni italiani, connessi alla rete internazionale di 300 città, distribuite in 33 paesi. Un circuito di eccellenza, che vede ogni anno la realizzazione di progetti che concretamente migliorano la vita dei cittadini e del pianeta.

Info: Cittaslow, tel. +39 0763341818
www.cittaslow.it
Facebook @cittaslow
Twitter @cittaslow_intl –
You tube @CittaslowInternational
Flickr @cittaslow
Instagram @cittaslowinternational

Non perderti:

Lascia un commento

GirareLiberi.it é un organo di informazione indipendente in corso di registrazione presso il Tribunale.

Foto, video, documenti, testi ed elaborazioni grafiche pubblicati sono di proprietà della Redazione, degli autori o dei fornitori di GirareLiberi.

Dati, foto, video e contenuti che ci venissero proposti da lettori, fornitori e inserzionisti o terze parti, vengono da noi usati in quanto liberi da diritti. Potranno essere da noi pubblicati senza menzione di origine.   I testi, le foto, le elaborazioni grafiche  e i video editi da GirareLiberi non possono essere copiati o tuttavia utilizzati in forma digitale o cartacea. Non é consentita la diffusi o rielaborazione  anche se solo parziale  senza il consenso espresso della Redazione.

@2021 – P.Iva IT02613410204   GirareLiberi Srl