Home Focus Gli italiani in vacanza nell’estate 2023: la ricerca del TCI sulla propria community

Gli italiani in vacanza nell’estate 2023: la ricerca del TCI sulla propria community

da Redazione
87 letture

In che modo gli italiani hanno trascorso l’estate, ora al termine? Grazie all’analisi condotta dal Centro Studi del Touring Club Italiano sulla sua community di oltre 300.000 individui, è possibile delineare il comportamento e le tendenze turistiche estive alla luce della ricerca di un nuovo equilibrio nella normalità del viaggio. Risulta che quasi il 94% dei partecipanti al sondaggio ha goduto di almeno una vacanza da giugno ad oggi.

L’Italia è risultata essere la destinazione estiva più popolare del 2023, scelta dal 69% dei partecipanti, un dato che si sta avvicinando gradualmente ai livelli pre-pandemia (63% nel 2019). Per quanto riguarda il 31% che ha optato per viaggi all’estero, la maggioranza ha scelto destinazioni europee (26%), mentre il 2% ha viaggiato nelle Americhe, circa l’1,5% in Africa-Medio Oriente, e una percentuale simile ha scelto l’Asia-Pacifico.

Le regioni italiane più visitate sono state Trentino-Alto Adige (15%), Puglia (12%), Sardegna (10%) e Toscana (9%). Nell’estate 2023, si è registrato un interesse significativo, presumibilmente un’eredità della pandemia, per le vacanze a breve distanza: il 37% ha infatti trascorso le vacanze nella propria regione di residenza o in una confinante. All’estero, la Francia (19%) è stata la destinazione più scelta, seguita da Grecia (15%), Spagna (13%) e Germania (7%), che ha superato la Croazia.

Il mare è rimasto la meta prediletta (42%) anche nell’estate 2023, con la montagna (19%) in lieve aumento rispetto al 2022 e ancora al di sopra dei livelli del 2019. Allo stesso tempo, i viaggi itineranti in auto, moto e camper (19%) continuano a recuperare, nonostante non siano ancora tornati ai livelli pre-pandemia. Si nota anche un’importanza crescente dei borghi e delle zone interne (4%), così come un ulteriore recupero delle città d’arte (7%), anche se non sono ancora tornati ai livelli del 2019.

L’estate 2023 ha mostrato un andamento delle partenze simile ai periodi pre-Covid: la maggior parte delle persone è partita ad agosto (50%), una media a luglio (32%) e un numero più basso a giugno (18%, ma in aumento rispetto al 2019).

L’auto è stata il mezzo di trasporto più utilizzato (54%) nell’estate 2023, nonostante un ulteriore calo rispetto al periodo pandemico e un allineamento con i dati del 2019. L’aereo (22%) sta recuperando lentamente, anche se non ha ancora raggiunto i livelli pre-Covid (33%). Questo recupero, sebbene positivo, potrebbe essere stato rallentato dall’aumento dei prezzi del trasporto aereo.

Per quanto riguarda l’alloggio, gli hotel e i villaggi turistici rimangono la scelta preferita per l’estate (44%), in linea con l’anno precedente ma ancora lontano dai livelli pre-pandemia. Gli appartamenti in affitto stanno crescendo sia rispetto al periodo post-Covid sia rispetto al 2019, confermando la tipologia con il trend migliore nel medio periodo. Le seconde case (11%) sono in lieve calo rispetto al 2022, ma rimangono ancora una soluzione popolare rispetto al 2019 (6%).

In base alle valutazioni della community del Touring, la media dei punteggi assegnati alle vacanze è stata di 8.5, in aumento rispetto agli anni precedenti e tornata ai livelli del 2019. Tuttavia, la stragrande maggioranza delle persone (76%) ha riscontrato un aumento dei prezzi dei servizi turistici, mentre il resto (24%) ha confermato una stabilità dei prezzi. A causa di questa situazione, il 50% dei partecipanti (in aumento rispetto al 45% del 2022) ha cercato di ridurre le spese di viaggio per le vacanze del 2023.

In termini di comportamento dei viaggiatori, gli italiani hanno continuato a mostrare una preferenza per la pianificazione anticipata delle loro vacanze: il 47% ha prenotato il viaggio con più di due mesi di anticipo, mentre il 28% ha prenotato tra i due mesi e un mese prima della partenza. Solo il 25% ha prenotato con meno di un mese di anticipo. Questa tendenza riflette la necessità di una maggiore sicurezza e prevedibilità nel contesto post-pandemico.

Le preoccupazioni per la sicurezza sanitaria, pur essendo ancora presenti, sono diminuite rispetto al 2022. Mentre nel 2022 il 57% dei partecipanti aveva dichiarato di aver ritenuto la sicurezza sanitaria un fattore decisivo nella scelta delle vacanze, quest’anno la percentuale è scesa al 44%.

Facendo un bilancio dell’estate 2023, si può dire che è stata un’estate di “ripartenza” per il settore turistico italiano. Nonostante le sfide residue dovute alla pandemia, come l’aumento dei costi dei servizi e la necessità di maggiore sicurezza, gli italiani hanno saputo adattarsi e trovare nuove modalità di viaggio. Il ritorno alla normalità è ancora un percorso in corso, ma i dati raccolti dal Centro Studi del Touring Club Italiano mostrano chiaramente un trend di recupero e di ritorno alla normalità pre-pandemica.

Credit foto
pexels-jonas-ferlin (apertura)
pexels-oliver-sjöström
pexels-rdne-stock-project (camper)

Non perderti:

Lascia un commento

GirareLiberi.it é un organo di informazione indipendente in corso di registrazione presso il Tribunale.

Foto, video, documenti, testi ed elaborazioni grafiche pubblicati sono di proprietà della Redazione, degli autori o dei fornitori di GirareLiberi.

Dati, foto, video e contenuti che ci venissero proposti da lettori, fornitori e inserzionisti o terze parti, vengono da noi usati in quanto liberi da diritti. Potranno essere da noi pubblicati senza menzione di origine.   I testi, le foto, le elaborazioni grafiche  e i video editi da GirareLiberi non possono essere copiati o tuttavia utilizzati in forma digitale o cartacea. Non é consentita la diffusi o rielaborazione  anche se solo parziale  senza il consenso espresso della Redazione.

@2021 – P.Iva IT02613410204   GirareLiberi Srl