Home Mete Italia Parco Sigurtà, seicento anni di storia e natura a due passi da Verona

Parco Sigurtà, seicento anni di storia e natura a due passi da Verona

da Redazione
385 letture

Valeggio sul Mincio, località Bandiera Arancione secondo il Touring Club Italiano, ospita nel suo territorio il Parco Sigurtà, spettacolare giardino aperto da 45 anni al pubblico (i cancelli si aprirono per la prima volta il 19 marzo 1978).
Un angolo di verde tra i più famosi d’Europa, a due km dalla frazione di Borghetto sul Mincio, già parte della galleria dei Borghi Più Belli d’Italia grazie ai suoi antichi mulini e al ponte Visconteo del XIV secolo, e a circa 30 km dalle città di Mantova e Verona.

Il Parco Sigurtà si offre ai visitatori con boschi, distese immense, panorami e grandiose fioriture stagionali di tulipani, rose e ninfee. La visita, vista anche l’estensione di ben 600.000 metri quadrati, può essere fatta a piedi, in bicicletta (il Parco si trova a 2 km dalla ciclabile Mantova – Peschiera d/G) o in golf-cart elettrico con guida GPS oppure sul trenino panoramico.

Il Parco Sigurtà ha una doppia anima: da una parte la progettazione all’italiana, caratterizzata da disegni geometrici che circoscrivono lo spazio, dall’altra una all’inglese che si basa sull’accostamento di elementi naturali e artificiali come grotte, alberi secolari, tempietti dove chi passeggia percepisce una natura ordinata anche quando assume un carattere più spontaneo.

La storia del Parco, lunga più di sei secoli, risale al 1407 quando era un brolo (orto, boschetto, ndr), terre coltivate con foraggi racchiuse all’interno di mura di cinta. Nei secoli ha avuto diverse evoluzioni come l’ampliamento della superficie e la possibilità di attingere l’acqua dal Mincio, per arrivare al 19 marzo 1978, quando Giuseppe Carlo Sigurtà aprì il Giardino al pubblico: oggi, Magda e Giuseppe Sigurtà continuano con dedizione a preservare e a far conoscere questo parco naturalistico, proseguendo il lavoro svolto dagli antenati.

Tanti i punti di interesse del Parco, ognuno da solo costituirebbe una piccola monografia di storia o natura:
– il Viale delle Rose: migliaia di rose rifiorenti in due varietà che impreziosiscono la veduta a “cannocchiale” sul Castello Scaligero, esterno al Parco.


– il Labirinto, inaugurato nel 2011, con 1500 piante di tasso, una torre centrale e i corridoi verdi, che percorrono una superficie di 2500 metri quadrati, classificato fra i 3 labirinti più belli al mondo.


– il Castelletto e l’Eremo: un salto nel tempo a fine Settecento con questi due edifici immersi nei boschi.
– le fioriture stagionali con, in particolare, Tulipanomania, la più importante fioritura di tulipani del Sud Europa con oltre un milione di tulipani a primavera e tante attività che sono valse al Parco il premio di Miglior Festival di Tulipani al mondo 2022; in estate fioriture di dalie, ninfee, ortensie, per concludere con il foliage in autunno con aceri giapponesi, alberi di ginkgo e carpini.
– la Fattoria con animali da cortile dove si incontrano galline, anatre, tacchini, pecore e asini.
– ben 18 gli specchi d’acqua, tra cui i Giardini Acquatici e i Laghetti Fioriti che sono tra i punti più visitati e dimora di fioriture stagionali e carpe giapponesi.
– alberi antichissimi, come la Grande Quercia con oltre quattro secoli d’età, e alberi giurassici ovvero risalenti all’era dei dinosauri, come il ginkgo biloba e la metasequoia.
– il Grande Tappeto Erboso: la distesa più ampia di tutto il Parco, set per spot, trasmissioni televisive, shooting moda e videoclip musicali (Gianni Morandi, Biagio Antonacci, Annalisa).


– gli Angoli curiosi: la Meridiana Orizzontale, il Giardino delle Piante Officinali, il Viale dei Tronchi Smeraldo.

Tanta bellezza e tante attrattive hanno permesso al Parco Sigurtà di ottenere negli anni numerosi riconoscimenti e premi a livello italiano, europeo ma anche mondiale, in particolare per le spettacolari fioriture della Tulipanomania, fioritura che attrae anche manifestazioni collaterali come ad esempio la collaborazione con i comuni di Bardolino e Sirmione, il coinvolgimento delle classi prime elementari nell’inaugurazione della piantumazione, una challenge fotografica instagram, l’invito a quasi 100 pittori per ritrarre questa strepitosa fioritura e molto altro ancora.

Il Parco fa parte dal 2007 del network Grandi Giardini Italiani, una rete che racchiude i più bei giardini visitabili in Italia; dal 2020, invece, è stato inserito nel prestigioso progetto della Garden Route Italia, volto a valorizzare i giardini italiani, promosso da APGI – Associazione Parchi e Giardini d’Italia.

Novità per la stagione 2023: nei giorni 10 aprile (Pasquetta), 25 aprile e 1 maggio l’entrata al Parco sarà limitata e possibile solo con l’acquisto dei biglietti online sul sito fino ad esaurimento.
www.sigurta.it

Parco Sigurtà
Via Cavour, 1 – Valeggio sul Mincio
https://goo.gl/maps/DuvFfWSMya5NQmHk7
Aperto da Marzo a Novembre

Non perderti:

Lascia un commento

GirareLiberi.it é un organo di informazione indipendente in corso di registrazione presso il Tribunale.

Foto, video, documenti, testi ed elaborazioni grafiche pubblicati sono di proprietà della Redazione, degli autori o dei fornitori di GirareLiberi.

Dati, foto, video e contenuti che ci venissero proposti da lettori, fornitori e inserzionisti o terze parti, vengono da noi usati in quanto liberi da diritti. Potranno essere da noi pubblicati senza menzione di origine.   I testi, le foto, le elaborazioni grafiche  e i video editi da GirareLiberi non possono essere copiati o tuttavia utilizzati in forma digitale o cartacea. Non é consentita la diffusi o rielaborazione  anche se solo parziale  senza il consenso espresso della Redazione.

@2021 – P.Iva IT02613410204   GirareLiberi Srl