Home Mete Italia Riti della Settimana Santa

Riti della Settimana Santa

da Serena Fiorentino
89 letture tempo di lettura 7 minuti la Via Crucis ad Atella

La blogger Serena Fiorentino ci racconta di un viaggio tra Puglia e Basilicata, alla scoperta degli antichi riti e delle processioni legate alla Settimana Santa di Pasqua: un itinerario tutto da scoprire, tra borghi storici e tradizioni secolari.

14.04.2022 Atella (PZ)
Probabilmente, per questo viaggio, abbiamo scelto il percorso meno agevole ma alla fine, dopo 310 chilometri, siamo comunque arrivati ad Atella in tempo per la Via Crucis. La Basentana (E847) è un cantiere stradale da talmente tanto tempo che ormai sull’asfalto cresce l’erba! A 500 metri di altitudine, nel cuore della Valle di Vitalba, troviamo un paesino semplice, in cui la gente ci accoglie col sorriso caloroso di chi non è abituato a ricevere molte visite forestiere. Poco più di 3500 abitanti e una tradizione culturale grande, che affonda le radici in un passato fatto di profondi sentimenti religiosi. Alle 15:45 siamo già nella piazzetta di fronte al Duomo; abbiamo i nostri agognati quattro posti in prima fila. Arrivano Ponzio Pilato, Barabba, Gesù e decine e decine di altri uomini e donne in abiti d’epoca. Dalla ricostruzione del giudizio di Pilato alla figura del “Cireneo” che aiutò il Cristo a portare la croce, dalle cadute di Gesù con la croce lungo il tragitto verso il Calvario, fino alla crocifissione, ci spostiamo nello scenario suggestivo delle piazze, delle strade e delle viuzze del centro storico della cittadina per seguire una Via Crucis di vera Passione come non me avevamo mai viste prima. E, fra una scena e l’altra, non perdiamo l’occasione di conoscere i volontari della Pro Loco Vitalba che organizza la manifestazione, alcuni dei partecipanti e, non per ultimo, il Sindaco che è felice di apprendere che siamo venuti da così lontano solo per partecipare con loro a questo toccante giovedì Santo. E’ ormai sera quando torniamo al van e ci dirigiamo verso Troia. Dalla Basilicata alla Puglia, dalla provincia di Potenza a quella di Foggia, per assistere, domani mattina alla processione delle catene. Nell’area camper comunale incontriamo mia madre e il suo compagno, anche loro qui incuriositi dai tradizionali riti della Pasqua. Ci guardiamo in faccia alla ricerca di un generoso volontario che prepari la cena per tutti e decidiamo immediatamente di andare in pizzeria! Al “Borgo Antico”, nel cuore del centro storico, le pizze si sono rivelate ottime, i sorrisi e i dolci… offerti. Un benvenuto degno di nota!
(Parcheggio gratuito giorno e notte ad Atella senza servizi in Via Annunziata, 56)

15.04.2022 Troia (FG)
Addormentati dal verso del barbagianni e svegliati dal cinguettio dei passerotti, siamo pronti a prendere parte a questo rito pasquale molto molto particolare, la Processione delle Catene. I cinque personaggi incappucciati, scalzi e con delle pesanti catene legate ai piedi escono dalla chiesa sul corso principale, prendono in spalla ognuno una pesante croce in legno e si avviano per un emozionante percorso penitenziale che li porta a visitare i sepolcri allestiti nelle diverse chiese del paese. Cinque personaggi, ognuno dei quali rappresenta uno dei cinque misteri dolorosi, si trascinano in un contesto suggestivo ed estremamente emozionante che ripropone il cammino del Calvario, accompagnati solo dal rumore inquietante delle pesanti catene che scorrono sul lastricato delle strade.

Non ci sono preghiere, non ci sono canti, non ci sono lamenti, solo il rumore delle catene con cui ancora oggi gli uomini rendono schiavi i propri fratelli. Una processione lenta che invoca libertà e che ci ricorda che Caino non è morto.

Trascorriamo l’intero pomeriggio nell’area camper, il luogo ideale dove tessere nuove amicizie, bere qualcosa in compagnia e raccontarsi viaggi e avventure. Da qualche decina di minuti si discuteva della necessità per alcuni di noi di fare una capatina al supermercato prima di Pasqua, ma nessuno sembrava interessato ad alzarsi dalla sedia né ad appoggiare il bicchiere di nespolino sul tavolo. E se Maometto non va alla montagna… il contadino con la sua ape carica di frutta e verdura arriva strombazzando nell’area camper dai suoi “Maometto”. Oggi il supermercato è venuto da noi! Sono già le 6 del pomeriggio e noi siamo ancora qui, col contadino, con la sua bottiglia di moscato e con due chili di fave fresche sul tavolino. Alle 20:00 parte un’altra processione. Diciamo che ci stiamo prendendo gusto. Da non credenti e non praticanti, passeremo alla storia come quelli che son riusciti a seguire con immenso trasporto tre lunghi eventi religiosi in meno di 36 ore! Con largo anticipo andiamo a visitare qualche chiesa che ospita le diverse Congreghe; son tutti intenti a prepararsi e ad indossare gli abiti di rito e ci accolgono calorosamente vogliosi di tessere le lodi della Congrega di appartenenza. Scoviamo una o due piccole chiese che prima d’oggi avevamo sempre incontrato chiuse, ma che varrebbe davvero la pena di visitare. Alle otto in punto siamo in Piazza Cattedrale per la processione dei Misteri. Davanti a noi son pronte le 5 statue: la Cattura, la Coronazione di spine, la Flagellazione, la Prima Caduta e il Calvario. La processione, lunga e carica di mestizia, è chiusa dalle “Catene”, vestite di viola e a volto scoperto.
(Area sosta camper comunale gratuita con servizi ed energia elettrica a Troia in Via Sant’Antonio, 62)

16.04.2022 Castelluccio di Valmaggiore (FG)

Castelluccio Valmaggiore

Sveglia e via. Abbiamo un giorno e mezzo “libero” prima della prossima processione. Arriviamo a Castelluccio Valmaggiore di buon’ora e cominciamo subito a fare amicizia con la gente del posto. Usciamo dalla falegnameria con tre salametti fatti in casa dalla moglie del falegname. Vaghiamo senza meta per i vicoli e ci fermiamo a chiacchierare con ogni essere vivente dotato di parola. Scopriamo la storia di un paesino di poco più di 1000 abitanti segnato dall’emigrazione, dall’abbandono delle terre e dalle frane. Ci innamoriamo di ogni stradina e di ogni scorcio sull’ampia valle concava in cui scorre il Celone. A pranzo, nell’ampio parcheggio in Piazza Libertà, siamo tre famiglie di camperisti. Splende il sole e la temperatura è gradevolissima; in 5 minuti siamo già in assetto da pic-nic. Lo so che non si fa, ma la situazione è perfetta: vigilia di Pasqua, parcheggio enorme e deserto, quiete assoluta. Sui tavoli troneggiano una splendida minestra di macco di fave tipica siciliana e qualche chilo di fave (acquistate ieri dal fruttivendolo itinerante di Troia) con un bel pezzo di pecorino romano. Dopo pranzo c’è davvero tanto da digerire e da smaltire, quindi ci incamminiamo a piedi tutti insieme lungo la provinciale in direzione di Faeto. Dopo circa un chilometro e mezzo raggiungiamo le cascate del torrente Freddo che, nel territorio di Castelluccio, attraversa un rigoglioso bosco ricco di fauna.

Cascate del Freddo

Ne approfittiamo per una breve sosta e per immergere nelle fredde acque i piedi già stanchi, prima di riprendere il cammino in direzione di Faeto. Dopo poco più di cinquecento metri percorsi sul ciglio della provinciale ci imbattiamo in un piccolo caseificio con annessa stalla.

La proprietaria non esita ad invitarci ad entrare e noi, che a quanto pare abbiamo già digerito il pranzo, non ci facciamo certo pregare. Fra un assaggio di ricotta ancora calda, una fettina di caciocavallo, due tarallini e un bicchiere di vino, scorrono i minuti e si intrecciano i discorsi. Alle sei del pomeriggio decidiamo che ormai non si proseguirà più con la camminata: si rientra alla base. Dopo l’abbondante merenda, si torna ai camper a preparare la cena, ma non prima di una sosta al bar. Questa mattina avevamo promesso al falegname che saremmo tornati per offrirgli un caffè.
(Parcheggio gratuito senza servizi a Castelluccio di Valmaggiore in Piazza Libertà)

17.04.2022 Celle di San Vito – Faeto (FG)
Oggi la sveglia è dolce. Sa di uova di cioccolato e di agnellini di pasta di mandorla. Si beve il latte munto ieri sera nel caseificio che abbiamo visitato. La passeggiata mattutina scegliamo di farla fra i vicoli dei due soli comuni francoprovenzali di Puglia, Celle di San Vito e Faeto. Il vento ci taglia la faccia e il sole è nascosto da grossi nuvoloni grigi. Arriviamo a Cèlles de Sant Uite e scopriamo che di abitanti ad oggi ne conta meno di cento.

Celle San Vito

E’ di gran lunga il comune meno popolato dell’intera regione e si sviluppa praticamente tutto su un’unica stradina che parte dall’antica croce francoprovenzale e termina al castello che si affaccia sull’ampia vallata. In giro non c’è nessuno, solo noi e il vento freddo. Solo poco prima di andar via ci rendiamo conto che non si trattava di un paese deserto, ma bensì di una comunità unita che, in occasione della messa pasquale, si era spostata in massa nell’unica chiesa del paese. Dopo un’oretta ci spostiamo a Faìt, che di abitanti ne conta circa 600 ed è il secondo comune più elevato della Puglia con i suoi 820 metri di altitudine.

Faeto

Il vento freddo diventa quasi insopportabile e dopo una breve visita del paesino e una sosta al bar per un caffè caldo, ci spostiamo subito al ristorante dove abbiamo prenotato il pranzo pasquale. Alla locanda “Casa mia”, ci accolgono come se fossimo in famiglia. Ci ritroviamo in 10 commensali dagli otto ai settant’anni e non ci alziamo da tavola se non a pomeriggio inoltrato, satolli di prelibatezze ben annaffiate da un divino Montepulciano. Ad aiutarci a smaltire il lauto pasto ci penserà la “Processione del Bacio”, a Troia… sempre che riusciamo ad arrivarci in tempo. I compagni di viaggio ci avevano sconsigliato la via più breve da Faeto a Troia, spingendoci a fare dietrofront e a ripercorrere la provinciale 133 passando nuovamente da Castelluccio. Imperterriti decidiamo per l’avventura. In fondo noi abbiamo il nostro “Odisseo”, siamo su un van, mica su un mansardato di 7 metri! Ma si sa, chi lascia la strada vecchia per la strada nuova, sa cosa lascia e non sa cosa trova! L’avventura sulla via francigena è sicuramente un piacere per gli occhi, con lo sguardo che si perde su un panorama verde che sembra infinito, ma il fondo stradale è quello tipico della strada interpoderale su cui non passa mai anima viva se non il contadino che si reca al lavoro nei campi o il pellegrino che la percorre a piedi con lo zaino in spalla. I tornanti ci tengono compagnia per più di 20 chilometri su un “poco più che sentiero” mal asfaltato, senza strisce bianche a delimitare l’unica corsia e senza alcun tipo di protezione in curva. Diciamo che, seppur non credenti né praticanti, ci raccomandiamo l’anima al Signore… non si sa mai! Arriviamo all’area sosta camper di Troia giusto in tempo per riunirci al gruppo. Ci sono già tanti camper posteggiati e noi ci ritagliamo un piccolo angolino defilato (in fondo siamo su un van, mica su un mansardato di 7 metri!). Unico intoppo: 15 metri di cavo elettrico più una prolunga di altri 10 metri, non ci bastano per raggiungere la colonnina elettrica più vicina. Pazienza. La batteria dei servizi è quasi del tutto carica e, anche se le nuvole hanno messo fuori gioco il nostro pannello solare, per le prossime 24 ore non dovremmo avere problemi di energia. Ci abbigliamo come se oggi fosse Natale e non Pasqua e sfidiamo i 4 gradi e il vento di tramontana per dirigerci verso il centro storico. La statua della Madonna parte dalla chiesa di San Domenico, mentre quella di Gesù risorto parte dalla chiesa di San Francesco, dalla parte opposta del paese. Le due statue si incontrano e si “baciano” in piazza Cattedrale tra uno scrosciare di battimani accompagnati dal suono della banda. La folla è immensa. Questa antica processione mantiene ancora viva una tradizione religiosa che ha avuto origine probabilmente dai rapporti avvenuti durante la transumanza con il vicino Abruzzo.

La Processione del Bacio a Troia (FG)

18.04.2022 Troia (FG)
L’unica Pasquetta col bel tempo di cui io abbia memoria è quella di 2 anni fa, quando si era tutti “ai domiciliari” causa Covid. Per il resto, il lunedì dell’Angelo lo ricordo sempre piovoso o sferzato dal vento. Ovviamente oggi il meteo non ci smentisce e ci svegliamo sbatacchiati da una tramontana fredda che inviterebbe ad un veloce rientro a casa. Ma abbiamo scelto la vacanza e vacanza sia! Cominciamo con una dolcissima colazione in pasticceria per apprezzare quantomeno il lato goloso di questa vita. In piazza Cattedrale a Troia c’è la pasticceria Casoli che custodisce la ricetta unica della “Passionata”, un dolcino con crema di ricotta (mucca, pecora e bufala) ricoperto di pasta di mandorla: una delizia capace di volgere al bello anche la più mesta delle giornate. Tornati nel nostro van “Odisseo” cominciamo i preparativi per un pranzo che non sappiamo ancora quale piega andrà a prendere. L’unica certezza è che ci serve della carne da grigliare e la macelleria questa mattina è chiusa. Fortunatamente in nostro freezer riserva sempre qualche sorpresa e oggi ci propone un petto di pollo e quattro sostanziose salsicce lucane ripiene di peperone di Senise. Unica piccola difficoltà da affrontare: sono già le 11:00 del mattino e la carne è surgelata. Ci corre in soccorso il mini phon a 12 volt che ancora non avevamo capito a cosa potesse mai servire visto che non è in grado di asciugare la folta “criniera” rossa di mia figlia per cui lo avevamo acquistato. In 20 minuti, col phon ormai fumante, la carne è pronta per essere cotta. Il nostro lunedì dell’Angelo pian piano sta prendendo forma. Prossimo step da affrontare: la location. Nell’area sosta camper di Troia c’è una piccola casetta in legno sempre chiusa dotata di un’ampia veranda coperta. Decido di chiamare la polizia municipale per chiedere il permesso di piazzarci sotto qualche tavolino e una ventina di sedie. Alla fine ne viene fuori una pasquetta degna di nota a base di uova sode, agnellino di pasta di mandorla tipico salentino, casatiello napoletano e “passionate” locali. Come ogni ritrovo improvvisato, è stato un ritrovo memorabile! A sera ci rendiamo conto che la vacanza per noi volge al termine. Domani dobbiamo giocoforza rientrare in Salento. Ci sono gli zaini di scuola dei bimbi da preparare, e tante altre faccende da sbrigare prima di affrontare un mercoledì lavorativo. Ci consola solo il fatto che venerdì saremo di nuovo a bordo di “Odisseo”. Decidiamo di salutare la Città di Troia dal tavolo del “Borgo Antico”, la stessa pizzeria che ci ha ospitati giovedì scorso

Non perderti:

Lascia un commento

GirareLiberi.it é un organo di informazione indipendente in corso di registrazione presso il Tribunale.

Foto, video, documenti, testi ed elaborazioni grafiche pubblicati sono di proprietà della Redazione, degli autori o dei fornitori di GirareLiberi.

Dati, foto, video e contenuti che ci venissero proposti da lettori, fornitori e inserzionisti o terze parti, vengono da noi usati in quanto liberi da diritti. Potranno essere da noi pubblicati senza menzione di origine.   I testi, le foto, le elaborazioni grafiche  e i video editi da GirareLiberi non possono essere copiati o tuttavia utilizzati in forma digitale o cartacea. Non é consentita la diffusi o rielaborazione  anche se solo parziale  senza il consenso espresso della Redazione.

@2021 – P.Iva IT02613410204   GirareLiberi Srl