Home Enogastronomia I Cjarsòns a Sutrio, tradizione della Carnia

I Cjarsòns a Sutrio, tradizione della Carnia

da Redazione
20 letture

Sutrio sorge a 570 m s.l.m. nella valle del But, in Carnia. Il comune conta le due frazioni storiche Nojaris, Priola, che insieme componevano le terre di una importante Contea con oltre 1000 anni di storia, e dall’aprile 2009 anche della nuova frazione Zoncolan, località conosciuta a livello mondiale per essere la salita più dura d’Europa per il ciclismo e comprensorio sciistico.

Ogni anno a Sutrio si celebra la festa dei Cjarsòn, sorta di golosi ravioli, piatto simbolo della Carnia. La loro origine è legata ai cramârs, i venditori ambulanti di spezie che, dal ‘700, attraversavano a piedi le Alpi per vendere nei paesi germanici la loro mercanzia esotica acquistata a Venezia, trasportata nella crassigne, piccola cassettiera di legno usata a mo’ di zaino sulle spalle. Le donne del paese, al ritorno dei venditori, preparavano i Cjarsòns, agnolotti di pasta di patate con ripieno a base di ricotta impastata con una ricchissima varietà di ingredienti: spezie, frutta secca, uva sultanina, aromi orientali, erbe aromatiche; in pratica, una forma di riciclo di quanto rimaneva sul fondo dei cassetti della crassigne.

Moltissime sono ancora oggi le ricette dei Cjarsòns, il cui ripieno varia non solo da paese a paese ma anche da famiglia a famiglia; se ne contano oltre 50 ricette diverse. Ogni famiglia, ed ogni ristortante, ha la propria, abbinando alle spezie ingredienti freschissimi quali mele, patate, spinaci, uvetta, mentuccia, erbe primaverili per utilizzare al meglio quello che resta nella dispensa. Il condimento dà il tocco finale di sapore: una spolverata di scuete fumade (ricotta affumicata) e ont (burro fuso).

Quest’anno l’appuntamento per gustare i Cjarsòn a Sutrio è per domenica 4 giugno. Passeggiando fra i punti di degustazione degli angoli più caratteristici del paese, si possono gustare i sapori inconsueti di questa pietanza e conoscere le diverse anime che caratterizzano un cibo d’origine sicuramente povera, ma complesso e ricco d’ingredienti. Sono i singoli paesi, dieci in tutto, in rappresentanza di tutte le vallate della Carnia, a proporre ciascuno la propria ricetta tradizionale: cjarsòns salati o dolci, insaporiti da erbe primaverili o da piccole scaglie di cioccolato, con per secche, carrube ma anche melissa e cipolla, accompagnati ai più pregiati vini di grandi aziende friulane, selezionati per l’occasione.

Questi gli orari della manifestazione:
dalle 10.00 apertura chioschi e vendita voucher
alle 16 chiusura vendita voucher
alle 18 chiusura stand

E’ possibile acquistare negli infopoint il voucher degustazione che comprende 10 assaggi, 20 euro, il set calice + sacca per la degustazione nei 5 punti enoteca del percorso, 2,50 euro i gettoni degustazioni vino, 1,50 euro l’uno, o l’acqua, 1 euro a bottiglia. In promo: calice + 2 gettoni a 5 euro!
E’ possibile anche portare da casa calice e posate, per ridurre gli sprechi e produrre meno rifiuti!

Tel: 0433778921 –

https://facebook.com/proloco.sutrio/

Sutrio
https://goo.gl/maps/pzuYFZfvyL3HxG6E9

Sosta: Area sosta presso distributore Tamoil sulla SS 52 bis subito prima di entrare in paese
GPS 46.511198 / 13.002298

Non perderti:

Lascia un commento

GirareLiberi.it é un organo di informazione indipendente in corso di registrazione presso il Tribunale.

Foto, video, documenti, testi ed elaborazioni grafiche pubblicati sono di proprietà della Redazione, degli autori o dei fornitori di GirareLiberi.

Dati, foto, video e contenuti che ci venissero proposti da lettori, fornitori e inserzionisti o terze parti, vengono da noi usati in quanto liberi da diritti. Potranno essere da noi pubblicati senza menzione di origine.   I testi, le foto, le elaborazioni grafiche  e i video editi da GirareLiberi non possono essere copiati o tuttavia utilizzati in forma digitale o cartacea. Non é consentita la diffusi o rielaborazione  anche se solo parziale  senza il consenso espresso della Redazione.

@2021 – P.Iva IT02613410204   GirareLiberi Srl