Home Mete Italia Crespi D’Adda, il turismo industriale Patrimonio Unesco

Crespi D’Adda, il turismo industriale Patrimonio Unesco

da Redazione
143 letture

Un’idea per una gita di primavera che sa di antico e fiero, di archeologia industriale ma anche di lavoro e grande storia italiana degli opifici, alla scoperta del nostro patrimonio o per sperimentare mete innovative e originali. Crespi d’Adda, l’affascinante villaggio operaio a una manciata di chilometri da Milano, sorto a fine ottocento intorno al cotonificio Crespi e rimasto immutato nel tempo. Abitato tutt’oggi da famiglie legate alla fabbrica e alla sua storia, il villaggio permette di vivere un viaggio attraverso 150 anni della nostra storia, alla scoperta di come si viveva dentro e intorno alla fabbrica. La visita a Crespi D’Adda non è solo un’occasione di turismo inconsueto ma un vero e proprio percorso esperienziale, per conoscere storie, personaggi e ritmi di vita di un’epoca distante da noi ma nello stesso tempo vicinissima. Per i ponti di primavera Crespi D’Adda offre un programma di visite modulare che permette di vedere il villaggio, gli spazi museali, l’ex cotonificio e la centrale idroelettrica situata lungo il fiume.

Crespi D’Adda è una frazione del comune di Capriate San Gervasio, in provincia di Bergamo, a meno di 20 km dal capoluogo e a circa 40 km da Milano, villaggio operaio nato nel 1876 grazie alla determinata volontà e la visionaria immaginazione di Cristoforo Benigno Crespi che realizzò il villaggio e gli edifici pubblici comuni a servizio degli operai impiegati nel grande cotonificio, inaugurato nel 1878, e delle loro famiglie. Crespi D’Adda nel 1995 è stato riconosciuto dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Nel villaggio, rimasto intatto a distanza di circa 145 anni, oggi vivono circa trecento abitanti in gran parte discendenti di coloro che in quel luogo vissero o lavorarono. È costituito da cinquantacinque casette, quelle destinate agli operai, pressoché uguali e disposte allineate ed equidistanti lungo le vie, da tre palazzotti, le prime abitazioni realizzate a Crespi d’Adda, dalle case dei capireparto e dalle ville dei dirigenti. E poi, ancora, gli edifici pubblici: il lavatoio, il dopolavoro, l’albergo, la chiesa, il teatro e le scuole, solo per citarne alcuni. Il tutto ruota attorno al grande cotonificio, la fabbrica, che, al culmine della sua ascesa commerciale, ha accolto fino a quattromila persone tra operai e impiegati nell’amministrazione.

L’esperimento Crespi, così come concepito dal suo fondatore, termina nel 1929. Il cotonificio dal 1930 passa a diverse aziende manifatturiere (Cotonificio Veneziano, Manifatture Toscane, Tessilia, Addafilo, Inditex, Leglertex, per ricordare solo le principali) e nel 2003 chiude definitivamente i cancelli e ferma le sue macchine. Oggi il grande complesso industriale, circa 80.000 metri quadrati coperti, è nuovamente in fermento e proiettato al futuro. Dopo un’accurata operazione di recupero dei fabbricati, autorizzata dalla Soprintendenza ai Beni architettonici e culturali, si spera che le strutture possano ospitare le sedi delle diverse attività del gruppo Percassi oltre ad uffici di aziende e laboratori che, dopo 20 anni, riporteranno il lavoro negli spazi della fabbrica.

Visitare il villaggio industriale di Crespi d’Adda è visitare un museo vivente a cielo aperto, è attraversare la città che cambia al ritmo del lavoro, le case, l’industria, e rivivere un sogno, la sua ascesa, il suo declino, la sua rinascita. Tutto ancora oggi a Crespi, nella sua solo apparente immobilità, ci parla di storia, di tradizioni, di una forte identità ma anche di trasformazione e della vitalità che anima la comunità crespese. Infatti, contando anche sulla partecipazione dei cittadini, Giorgio Ravasio, dal 1991 e oggi presidente dell’Associazione Crespi d’Adda, ha intrapreso un importante percorso di promozione e valorizzazione e promozione del sito industriale riuscendo a risollevarlo dopo anni di degrado e abbandono. Oggi Crespi d’Adda si può annoverare come esempio virtuoso di gestione culturale, rigenerazione economica e progettualità continua, considerato un vero e proprio modello di riferimento a livello nazionale e internazionale.

Per conoscere il villaggio operaio l’Associazione Crespi d’Adda organizza tour guidati che permettono di visitare anche la vicina centrale idroelettrica, gioiello dell’archeologia industriale, fondata nel 1909 per soddisfare il fabbisogno energetico del cotonificio e del villaggio, oggi ristrutturata e funzionante e il museo multimediale che racconta Crespi e le storie dei personaggi dell’epoca, con proiezioni, immagini d’archivio, realtà aumentata e un laboratorio didattico. E’ possibile, inoltre, anche partecipare ai tour guidati ai rifugi antiaerei di Dalmine (BG) e al MUVA, il museo della valle dell’Adda, per scoprire la storia e le storie dei territori lambiti dal fiume Adda.

Tour guidato al villaggio con ingresso nelle sale museali multimediali (90 min) Giorni: domenica e tutti i festivi.
Dal 18 marzo fino al 24 giugno anche i sabati.

Tour guidato nella centrale idroelettrica di Crespi d’Adda (60 min)
Giorni: 2-10-16-25 aprile / 1-7-21 maggio /2-4-18 giugno

Tour guidato nella Fabbrica Cotonificio di Crespi d’Adda (90 min) Giorni: 10-23-25 aprile / 1-14-28 maggio / 2-11-25 giugno

Tour guidato La Crespi d’Adda di Emilia a tema romanzo Al di qua del fiume di Alessandra Selmi (2 ore e 30 min) Giorni: 2-10-16-25 aprile / 1-7-21 maggio / 2-4-18 giugno (dalle ore 10,30)

Tour completo nel villaggio, nelle sale museali multimediali, nel cotonificio e nella centrale idroelettrica di Crespi d’Adda Giorni: Pasquetta, 25 aprile, 1 maggio, 14 maggio, 2 giugno

Per informazioni sui tour e prenotazioni: www.crespidadda.it
Tel. +39 02 90939988
mail: info@crespidadda.it
Facebook @crespidadda
Instagram @crespidadda

Non perderti:

Lascia un commento

GirareLiberi.it é un organo di informazione indipendente in corso di registrazione presso il Tribunale.

Foto, video, documenti, testi ed elaborazioni grafiche pubblicati sono di proprietà della Redazione, degli autori o dei fornitori di GirareLiberi.

Dati, foto, video e contenuti che ci venissero proposti da lettori, fornitori e inserzionisti o terze parti, vengono da noi usati in quanto liberi da diritti. Potranno essere da noi pubblicati senza menzione di origine.   I testi, le foto, le elaborazioni grafiche  e i video editi da GirareLiberi non possono essere copiati o tuttavia utilizzati in forma digitale o cartacea. Non é consentita la diffusi o rielaborazione  anche se solo parziale  senza il consenso espresso della Redazione.

@2021 – P.Iva IT02613410204   GirareLiberi Srl