Home Mete Estero Alla scoperta di quattro castelli bretoni

Alla scoperta di quattro castelli bretoni

da Redazione
11 letture Castello di Tonquedec

Di Roberto Serassio

I castelli del Trégor, una delle nove province bretoni, sono stati costruiti, saccheggiati, ricostruiti, smantellati, modificati, hanno visto passare generazioni di essere umani, subito assalti e custodito inenarrabili segreti all’interno delle proprie mura secolari.
Quattro sono i castelli di questa provincia che sono stati testimoni senza tempo della storia della Bretagna e oggi aprono le porte agli appassionati di storia medievale, agli amanti delle belle residenze e, semplicemente, a tutti i curiosi che hanno conservato l’anima dell’epopea eroica dei cavalieri.

Castello di Tonquedec

Nel cuore di una meravigliosa foresta, su uno sperone roccioso che domina il Léguer, si ergono le rovine del castello di Tonquédec, con le sue undici torri e il suo recinto fortificato. È una vera vestigia della Bretagna feudale, infatti l’inizio della costruzione risale al XII secolo ad opera della famiglia Coëtmen-Penthièvre, discendente dei duchi di Bretagna. Fu smantellato per ordine del duca Giovanni IV nel 1395 a causa di un conflitto tra i Penthièvres.
La ricostruzione dell’edificio iniziò nel 1406 da Roland IV de Coëtmen, grazie al duca di Borgogna Jean Sans Peur. Passò poi, per successione, ai signori di Acigné poi a Goyon de La Moussaye, prima di essere classificato come roccaforte di artiglieria nel 1577.
Il castello, considerato pericoloso per il potere reale, fu finalmente smantellato intorno al 1626 per ordine di Richelieu. In segno di rispetto per la lealtà dei Gouyon de La Moussaye, allora signori di Tonquédec, il castello sarà smantellato ma non completamente raso al suolo.
Le rovine furono acquistate nel 1636 da René du Quengo, che prese poi il nome di Quengo de Tonquédec. Intorno al 1801, i Du Quengo, fortemente indebitati, dovettero vendere Tonquédec. Infine, nel 1880, il marchese de Kéroüartz acquistò il castello per donarlo alla figlia e al genero Pierre de Rougé in occasione del loro matrimonio, essendo la famiglia Rougé discendente diretta dei signori di Coëtmen, costruttori dell’edificio ed essendo i Rougé gli ultimi baroni di Coëtmen prima della rivoluzione. Da allora il castello è rimasto di proprietà dei Conti di Rougé che, generazione dopo generazione, restaurarono gradualmente l’edificio e lo aprirono interamente ai visitatori. È classificato Monumento Storico dal 1862.
Alla dimora signorile si accede dal cortile inferiore tramite un cancello carraio e un cancello pedonale, ciascuno dotato di ponte levatoio, incorniciato da due torri aggettanti.

Castello di La Roche Jagu

Atmosfera diversa allo Château de La Roche-Jagu. Dominante l’estuario del Trieux, è un orgoglioso vaso di pietra piantato sul suo sperone roccioso, nel mezzo di un meraviglioso parco.comune
All’interno, i camini monumentali, la passerella e la cornice ben esposta fungono da cornice senza tempo per mostre artistiche e multisensoriali di alta qualità. Fuori, il tempo non ferma… Dal palmeto ai giardini medievali, passando per il viale delle camelie e il frutteto, è un infinito parco giochi per bambini e passeggini. Si tratta di una casa fortificata del XV secolo situata nel comune di Ploezal le cui parti più antiche furono costruite alla fine del Medioevo. La passerella che correva sul retro dell’edificio, affacciata sul fiume, consentiva la difesa della casa e il controllo del traffico sul fiume Trieux. Ledificio è costituito da un unico corpo di fabbrica il cui ingresso avviene tramite una porta sormontata da una nicchia. Il primo piano conserva ancora le bifore in pietra, mentre il secondo e i piani superiori sono arretrati e il tetto è stato ampiamente rielaborato. La cucina al piano terra è l’unico ambiente mantenuto allo stato originario
Il parco e i giardini di 30 ettari sono organizzati attorno a una quercia di trecentocinquant’anni nel cortile principale. Da questa quercia partono tre sentieri segnalati, ciascuno con un proprio tema.

Castello di Rosanbo

Il castello di Rosanbo, nel comune di Lanvellec, domina la valle del fiume Bô, traendone anche il nome che in lingua bretone significa “roccia sul Bô”.
Il maniero, che in passato fu roccaforte della famiglia Coskaër de Rosanbo, poi della famiglia Le Peletier de Rosanbo, ha forma quadrata ed è stato sviluppato e rimaneggiato nel corso della sua storia. Venne costruito nel XIV secolo, su di un promontorio strategico, situato a quattro miglia dalla baia di Saint – Michel – en – Gréve per impedire la risalita del Bô da parte degli invasori scandinavi. Nel XVI secolo fu ampliato con un maniero gotico. Gli edifici furono ulteriormente ampliati nel XVIII secolo da Louis de Peletier de Keranroux, primo presidente del parlamento di Parigi e marito di Geneviève de Coskaër, ultima erede di quel nome. In occasione di questa ristrutturazione, l’architetto Joubert aggiunse al castello una galleria e una sala d’angolo con vista sulla valle. La vecchia cucina è stata trasformata in sala da pranzo rivestita in legno e, al piano superiore, nuovi spazi aggiuntivi hanno permesso di creare piccoli ambienti come bagni privati e boudoir. Alla fine del XIX secolo, nuove suite furono progettate dall’architetto Lafargue, a cui si deve anche il restauro dei castelli di Josselin e di Chenonceaux.

Castello di Kergrist

Questo antico complesso, sede sia di una residenza signorile che di un’azienda agricola, si trova a 4.500 metri a sud-est della città di Ploubezre. Istituito a 87 metri sul livello del mare, si trova nelle immediate vicinanze di un meandro del Léguer. In bretone Kergrist significa letteralmente “la casa di Cristo” e in questo caso un antico luogo nobiliare. Dal maniero di Kergrist dipendevano da una cappella, una colombaia, un mulino ad acqua ricostruito nel 1759 e diverse fattorie gestite a mezzadria o convenzionate.
Nel XVII secolo il maniero assunse la forma di U: il quadrilatero del cortile era probabilmente prolungato verso nord da due torri. Il cortile era chiuso da un cancello carrabile e da un cancello pedonale. Le facciate orientale e meridionale furono realizzate nella seconda metà del XVIII secolo sotto la famiglia Barbier de Lescoët. Durante la Rivoluzione Francese il castello fu venduto come demanio nazionale: fu diviso in tre parti, saccheggiato, trasformato in fattoria, poi abbandonato. Pierre e Michel Huon, notai reali, raggrupparono la tenuta per restituirla ai Barbier de Lescouët.

Castello di Kergrist

Nel 1861, Charles Huon de Penanster, consigliere generale del cantone di Plestin-les-Grèves, e sua moglie Claire decidono di acquistare la tenuta e di ristrutturarla. . La facciata presenta una scalinata a doppia rampa rettilinea che conduce ai giardini. A nord le torri sono forate per fornire porte di accesso. Alla fine del XVIII secolo l’ex maniero divenne un castello, almeno per quanto riguarda i giardini a sud e ad est. Il castello di Kergrist, classificato Monumento Storico, appartiene alla stessa famiglia dal 1867.

Non perderti:

Lascia un commento

GirareLiberi.it é un organo di informazione indipendente in corso di registrazione presso il Tribunale.

Foto, video, documenti, testi ed elaborazioni grafiche pubblicati sono di proprietà della Redazione, degli autori o dei fornitori di GirareLiberi.

Dati, foto, video e contenuti che ci venissero proposti da lettori, fornitori e inserzionisti o terze parti, vengono da noi usati in quanto liberi da diritti. Potranno essere da noi pubblicati senza menzione di origine.   I testi, le foto, le elaborazioni grafiche  e i video editi da GirareLiberi non possono essere copiati o tuttavia utilizzati in forma digitale o cartacea. Non é consentita la diffusi o rielaborazione  anche se solo parziale  senza il consenso espresso della Redazione.

@2021 – P.Iva IT02613410204   GirareLiberi Srl