Home Turismo lento Itinerari cicloturismo in bici nella Valsesia

Itinerari cicloturismo in bici nella Valsesia

da Redazione
30 letture tempo di lettura 4 minuti Bocchetta di Margosio Oasi Zegna - foto Damiano Andreotti

In occasione della fiera del Cicloturismo di Milano appena conclusa, è stata inaugurata BI.CI. (Biella Cicloturismo): un aggregatore di esperienze pensate appositamente per il cicloturista che ama scoprire, pedalando, le bellezze e le culture dei territori. BI.CI. offre ai turisti proposte insolite in bicicletta: mountain bike, gravel, enduro in paesaggi straordinari e con proposte integrate alla scoperta della natura più autentica.
Il Biellese è uno dei territori italiani con la più alta percentuale di superfici boschive, il 50% contro il 36% di media nazionale. Questo patrimonio verde, la naturale conformazione del territorio e un’infinità di panorami suggestivi sono stati scelti per gli investimenti di ATL Biella Valsesia Vercelli e Fondazione BIellezza per il turismo lento e sostenibile, promuovendo esperienze esclusive per differenti fasce di cicloturisti amanti della natura, cultura, gusto, benessere.
Sono stati ideati 14 itinerari cicloturistici – tra i tanti altri presenti – con una copertura totale di oltre 350 km in grado di soddisfare anche i più esigenti e far scoprire luoghi molto diversi tra loro: dalla Serra Morenica di Ivrea sulle tracce dei cercatori d’oro alla Riserva naturale delle Baragge, un incredibile paesaggio di altri tempi, passando dal Santuario di Oropa, dal borgo antico di Biella, dall’Oasi Zegna, dal Ricetto medievale di Candelo e tanto altro. Il tutto su un territorio ricco di accoglienza turistica: agriturismi, locande, hotel, relais ma anche semplici rifugi, ristoranti, trattorie e produzioni a km zero completano un’esperienza unica, lontani dalle folle ma a due passi dalle grandi città. Milano e Torino distano solo un’ora di strada. Sul territorio si stanno inoltre sviluppando numerose attività a supporto del cicloturismo: noleggi bici (soprattutto e-bike) e transfer dedicati ma anche bike hotel e risto bike.

Questi alcuni degli itinerari cicloturistici di Biella Cicloturismo

Bessa – 27 KM – dislivello 274 m
Giro semplice ma di grande interesse all’interno della riserva naturale della Bessa, sito archeologico biellese e antichissimo giacimento aurifero già all’epoca degli antichi romani. Tra sterrati e campi, ci si avventura in un Parco Naturale unico nel suo genere. Il percorso è attrezzato con un’area picnic e lambisce una zona adibita ai campionati per la ricerca dell’oro (attività per la quale la Bessa è nota).

Baraggia – 16 km – dislivello 230 m
Un facile giro in una delle zone più selvagge e caratteristiche del territorio biellese, La Riserva naturale della Baraggia. Si parte dallo splendido Ricetto di Candelo, uno dei borghi medioevali più belli d’Italia, e si passa dalla steppa arida a boschi incantati. Questo tour ad anello è adatto a tutti. Le poche salite sono brevi e mai troppo ripide così come le discese.

Rive Rosse – 31,6 km – dislivello 574 m
Itinerario alla portata di tutti i ciclisti off-road (gravel, mtb, e-bike), che si snoda tra campi, vigneti e piccoli borghi, dando un gustoso assaggio della famosa ed impegnativa zone delle “Rive Rosse”, che rappresentano una delle destinazioni più interessanti del nord Italia per la pratica della mountain bike e dell’enduro. Il percorso si sviluppa da subito su sterrate ampie e ben ciclabili, che dal bosco portano ai campi di riso della Baraggia orientale, fino alla cittadina di Gattinara. Attraversato il centro abitato, si sale lungo le vigne che regalano uno dei più pregiati vini dell’Alto Piemonte; da qui i panorami si fanno più interessanti, regalando ampie vedute della Pianura Padana con i vigneti in primo piano. Si segue lo sterrato fino al borgo di frazione Camino (Roasio) e il successivo centro abitato di Curino per poi rientrare al punto di partenza tra i vigneti del “Bramaterra”.

Grand Tour Unesco
Un sorprendente anello piemontese di 600 chilometri che tocca i paesaggi Patrimonio dell’Umanità, le Riserve Man and the Biosphere, le Città Creative e i Geoparchi e che, arrivando da Ivrea, nel Biellese conduce attraverso la splendida Serra Morenica al Tracciolino, alla trappa di Sordevolo, al Santuario di Oropa e all’Oasi Zegna, con viste indimenticabili sul Monte Rosa.

Oasi Zegna e Enduro Bike Park
L’Oasi Zegna è ideale per tutti i tipi di bici: la Panoramica Zegna è una strada indimenticabile per gli amanti di quella da strada mentre l’enduro bike park (i tracciati sono stati realizzati dai campioni Lupato) offre emozioni più adrenaliniche. Ma con la mountain bike si respira la vera essenza del territorio e, ad esempio, il Giro dell’Alta Val Sessera (fino a 34 km con un dislivello di 1.115 m) conduce in ambienti incontaminati e ancestrali tra boschi, radure e infiniti panorami.

Baraggia biellese testimonial Marco_Aurelio Fontana – foto Damiano Andreotti

Prevostura – 19,4 km – dislivello 810 m
La Prevostura è una storica gara marathon valevole per il campionato italiano ed europeo di questa disciplina, dagli anni ’90 la gara viene riproposta ogni anno e conta centinaia di atleti alla partenza, provenienti da tutta Italia e dall’estero. Il percorso risulta lungo e impegnativo con le bici muscolari e diventa alla portata di tutti se con le e-bike, senza bisogno di tecniche di guida avanzate. Dal centro del borgo del Comune di Lessona, si percorre un giro attorno al paese, per poi addentrarsi nei boschi e nei vigneti che separano la Valle Strona dalle Rive Rosse, alternando panorami ampi sulle vigne del Lessona e del Bramaterra (vini tra i più pregiati dell’Alto Piemonte) a passaggi nel tipico bosco della zona, formato perlopiù da castagni, carpini e querce. L’itinerario ad anello si sviluppa su un fondo di strade bianche, selciati e single track sempre ben pedalabili.

Serrabike – 43 km – dislivello 67 m
La Serrabike è una storica gara marathon valevole per il campionato italiano FCI, dagli anni ’90 la gara viene riproposta ogni anno e conta centinaia di atleti alla partenza, provenienti da tutta Italia. Il percorso si snoda sulle creste della Serra Morenica che separa il Biellese dalla zona di Ivrea. Questa striscia a pendenza costante regalata dal ritiro del ghiacciaio della Valle d’Aosta, durante l’ultima grande glaciazione, è oggi sovrastata da boschi alternati di castagno, quercia e abete rosso, che si alternano a scorci che si aprono sulla pianura padana, sulle alpi Cozie e sull’anfiteatro morenico di Ivrea. Il percorso segue principalmente ampie strade sterrate che risalgono e ridiscendono la morena glaciale, regalando tratti di sigle track molto divertenti e scorrevoli, il più famoso dei quali è stato ribattezzato dai ciclisti “eden”. Il tour Serrabike ridiscende nella zona centrale la morena incontrando i caratteristici borghi di Zubiena, Magnano e Zimone.

www.atl.biella.it
www.atlvalsesiavercelli.it

Non perderti:

Lascia un commento

GirareLiberi.it é un organo di informazione indipendente in corso di registrazione presso il Tribunale.

Foto, video, documenti, testi ed elaborazioni grafiche pubblicati sono di proprietà della Redazione, degli autori o dei fornitori di GirareLiberi.

Dati, foto, video e contenuti che ci venissero proposti da lettori, fornitori e inserzionisti o terze parti, vengono da noi usati in quanto liberi da diritti. Potranno essere da noi pubblicati senza menzione di origine.   I testi, le foto, le elaborazioni grafiche  e i video editi da GirareLiberi non possono essere copiati o tuttavia utilizzati in forma digitale o cartacea. Non é consentita la diffusi o rielaborazione  anche se solo parziale  senza il consenso espresso della Redazione.

@2021 – P.Iva IT02613410204   GirareLiberi Srl