Home Mete Estero Germania: viaggio tra terme e città storiche – seconda parte

Germania: viaggio tra terme e città storiche – seconda parte

da Redazione
20 letture tempo di lettura 12 minuti Marburg - castello Wilhelmsbau

A cura di Roberto Serassio

Per leggere la prima parte di questo itinerario clicca qui:
https://www.girareliberi.it/germania-viaggio-tra-terme-e-citta-storiche-prima-parte/

Dopo esserci ritemprati il fisico in tutte le terme che abbiamo frequentato, ci ritempriamo ora la mente con la visita di una città storica per eccellenza.

La cattedrale di Minden

Minden, che raggiungiamo con l’autostrada A2, è situata sulle sponde del fiume Weser ed ha una storia alle spalle di almeno milleduecento anni. Il suo magnifico centro storico abbraccia, con armonia di stili, la Cattedrale di San Gorgonius, vecchia di mille anni, la cui entrata occidentale è in stile romanico, mentre le navate sono in gotico. Il municipio del XIII secolo, vero gioiello architettonico, affianca con il suo elegante portico l’edificio religioso creando uno scorcio di rara bellezza, anche se un’aggiunta alla struttura comunale, effettuata dopo la seconda guerra mondiale, offusca un po’ la vista tra le due costruzioni. A farci dimenticare comunque questo piccolo danno perpetrato dall’uomo moderno, ci pensa la piazza del mercato con i suoi edifici dalle impressionanti facciate.
Altre pregevoli attrattive si trovano nella città alta che si raggiunge tramite la scala di San Martino. Tra queste citiamo la chiesa di San Martino, la chiesa di Santa Maria, San Simionis, il magazzino delle granaglie, l’Alte Münze, il più vecchio edificio in pietra della Westfalia e la Windloch, una casa a graticcio trapezoidale che è stata chiamata il buco del vento per la brezza che investiva i passanti mentre si recavano in chiesa.
Nella città bassa si possono ancora ammirare altre opere importanti come la chiesa di San Giovanni, la Wesertor e i resti delle vecchie fortificazioni, mentre alla periferia della città si trova il castello Haddenhausen, costruito nel XVII secolo in stile rinascimentale.
Minden è un importante nodo per la navigazione interna. Qui si trova l’incrocio tra il fiume Weser, navigabile ed il Mittellkanal. Una chiusa mette in comunicazione il fiume con il canale tra i quali esiste un dislivello di tredici metri.
Minden costituisce il giro di boa di questo viaggio che con l’itinerario della prima parte ci ha portati in direzione nord. D’ora in avanti infatti, la prua del nostro mezzo sarà inesorabilmente rivolta verso sud.

Rintlen – la piazza del mercato

La prima città che incontriamo lungo il percorso di ritorno è Rinteln, situata anch’essa sulle sponde del Weser, nella Bassa Sassonia. La sua attrattiva principale è la piazza del mercato su cui si affacciano le case tipiche ed il vecchio municipio. Oltre al centro storico, non c’è molto altro da vedere, ma quel poco che abbiamo visto è più che sufficiente per una sosta, tanto più che siamo sulla via di casa e Rinteln ci offre l’occasione buona per ritardare il ritorno.

Lemgo

Raggiungiamo Lemgo con la strada 238, attraverso la bellissima campagna della Renania Westfalia. Durante il periodo della Lega Anseatica la città aveva acquisito un carattere vivace e intraprendente. Questa particolarità l’ha conservata sino ad oggi e ne è un chiaro esempio il mercato settimanale che si tiene ogni mercoledì e sabato. La piazza ad esso dedicata può essere considerata il salotto buono di Lemgo, grazie ai magnifici edifici che vi si affacciano ed è il luogo ideale per incontrarsi ed assaporare lo spirito di questa magica cittadina. Questo è particolarmente percepibile durante l’estate quando viene organizzato il Sommertreff, una sorta di festival all’aperto fatto di diversi eventi culturali. La città è piccolina e non porterà via molto tempo per la sua visita, ma saprà certamente regalare una sensazione di calma e di serenità.

Detmold – il municipio

Continuiamo la marcia verso sud fino a raggiungere Detmold che, detto per inciso, dista da Lemgo pochissimi chilometri. Situata nella Renania Westfalia la città possiede un illustre passato storico in quanto fu capitale del piccolo Principato di Lippe fino al 1918 e quindi del Libero Stato di Lippe sino al 1947. Le sue opere più interessanti sono il castello e la piazza del mercato, completamente circondata da case d’epoca e sede del municipio. Come la precedente anche Detmold è molto vivace, specialmente in estate, quando la gente si da appuntamento nella piazza mercatale, dove i tavolini dei bar all’aperto invogliano il passante ad una pausa conviviale. Ricordiamo che la città ospita il più grande museo europeo all’aria aperta e, nelle vicinanze, il monumento ad Arminio capo della tribù dei Cherusci durante la battaglia della Selva di Teutoburgo contro i romani comandati da Publio Quintilio Varo e che si risolse con la disfatta di quest’ultimi.

Blomberg

Blomberg è situata pochi chilometri ad est di Detmold. Si tratta di una città dal classico aspetto medievale, posta tra la Selva di Teutoburgo e la storica Weserbergland, esattamente all’incrocio di tre importanti vie commerciali del medioevo. Questa particolarità si riflette nell’architettura dell’ottimamente conservato centro storico che nel 2008 ha celebrato settecentoventicinque anni di vita. Il visitatore non sarà quindi deluso da ciò che questa città ancora conserva. L’imponente porta di accesso all’abitato è l’unica rimasta, nel suo genere, in tutto il territorio di Lippe e la disposizione delle strade è molto interessante in quanto segue l’abitudine locale di avere tre strade principali attraversanti completamente la città con orientamento nord sud.

Schwalenberg – castello medievale

Ci spostiamo ulteriormente ad est di qualche chilometro per andare a visitare il borgo medievale di Schwalenberg. Questa piccola, ma attiva cittadina è molto apprezzata per il suo centro storico in cui si trovano ancora molte case a graticcio. Il castello medievale, da cui si ha un panorama magnifico sul Lipperland, domina con la sua imponenza Schwalenberg. Altre cose interessanti da vedere sono il parco termale di Schieder con il suo castello barocco, la cittadina di Lothe, famosa per i suoi archi ed il castello barocco di Wobbel. Tutte le località che abbiamo citato si trovano nel circondario di Schwalenberg e pertanto, facilmente raggiungibili.

Ripuntiamo la prua del nostro mezzo verso Sud e precisamente in direzione di Höxter. La città possiede un municipio medievale e case con alti frontoni, facciate scolpite e rivestimenti a graticcio. Alcune di esse, come la Adam und Eva Haus, nella Stummrige Strasse e la Dechanei nella piazza del mercato, sono un raro esempio di stile rinascimentale del Weser.

Höxter – monastero di Corvey

Alla periferia di Höxter si trova il monastero di Corvey, edificato direttamente sulla sponda del Weser. La chiesa possiede una cripta carolingia ed un imponente portale romanico.
Tra le altre cose interessanti da vedere citiamo l’Erlebniswelt Renaissance che tradotto letteralmente significa il mondo avventuroso del rinascimento. Si tratta di un percorso cittadino sul tema “mercato” nel quale il visitatore è chiamato a risolvere un caso di assassinio del 1617.
L’Obermühle Höxter è un mulino ad acqua a suo tempo appartenuto all’Abbazia di Corvey e che oggi ospita il caffè del mulino. Per terminare degnamente la visita, suggeriamo di vedere la chiesa protestante di San Kilian ed il complesso medievale di Tonenburg, nei pressi di Albaxen.

Warburg

Purtroppo non ci sono altre motivazioni per arrestare la nostra inesorabile marcia verso sud. Cerchiamo comunque di ritardare il momento di lasciare la Germania visitando, lungo il percorso altre cittadine gioiello. Seguendo le strade B64, B83 e B241 arriviamo a Warburg, città medievale con parecchie cose interessanti da vedere. Parlando di medioevo non si può far altro che iniziare la visita dalle due città storiche: la vecchia e la nuova che comunque risalgono tutte e due pressappoco alla stessa epoca e furono unificate nel 1436. Tra gli edifici assolutamente da non perdere citiamo il municipio “tra le due città”, il castello che prima dell’unificazione ospitava il comune, le mura cittadine, le torri di difesa, le due porte, le numerose case a graticcio, tra le più antiche della Renania Westfalia, la chiesa cattolica della città vecchia, costruita nel 1299, la chiesa cattolica della città nuova del 1264, la chiesa evangelica di Maria im Weinberg e il convento dell’Assunzione che fino al 1995 ha ospitato monaci della chiesa ortodossa siriana.

Wolfhagen – piazza del mercato

Ci spostiamo di pochi chilometri sulla 252 sino a raggiungere Wolfhagen, cittadina dell’Assia, posta sul circuito delle case tipiche. I suoi cittadini più prestigiosi sono stati i fratelli Grimm e con una simile premessa non c’è da stupirsi che possegga un centro storico che sembra uscito da una delle loro favole. Tra gli edifici più significativi segnaliamo il vecchio municipio del XVI secolo, il castello di Elmarshausen e quello di Weidelsburg, le undici torri di guardia, la chiesa di Sant’Anna e, naturalmente, le innumerevoli case a graticcio che circondano la piazza del mercato.

Korbach – la chiesa di San Nicola

Korbach è la meta successiva. Situata nello stato dell’Assia, conta più di mille anni di storia che viene condensata nel suo centro storico, ricco di monumenti del passato. Cominciano con la chiesa di San Killian del 1450 e di San Nicola del 1460, proseguiamo con la vecchia scuola statale del 1579, con le mura cittadine e le deliziose casette della città vecchia e con i magazzini medievali, senza dimenticare la chiesa di Nieder Ense, costruita tra il 1130 e il 1140. Suggeriamo anche di percorrere il sentiero dell’oro,un percorso che illustra la storia dell’escavazione di questo metallo prezioso sui Monti Metalliferi, la vita ed il lavoro dei minatori nel medioevo.

Wetter

Wetter, che raggiungiamo con la strada 252, è una cittadina posta sul fiume Ruhr con un minuscolo centro storico ricco di diverse case a graticcio. Non possiede niente di particolarmente importante, ma tuttavia siamo convinti che il luogo si farà apprezzare sia per la sua parte storica che per il paesaggio circostante. Nei dintorni si trovano il lago Harkort ed il lago Hengstey, meta di gradevoli gite in bicicletta. Agli amanti delle passeggiate consigliamo delle escursioni sull’Harkortberg da dove si hanno dei panorami magnifici sulla pianura e sul lago Harkort.

Marburg

Ci avviciniamo sempre di più alla fine del nostro itinerario. Tuttavia Marburg ci farà dimenticare, con le sue bellezze, la malinconia che sempre ci prende quando siamo quasi alla conclusione di un viaggio. Per apprezzare al meglio l’atmosfera cittadina consigliamo di vagabondare in pieno relax nella città vecchia dove si può gustare un carattere medievale unito allo spirito di una città universitaria. In particolare si dovranno visitare la Elisabethkirche, la più antica chiesa gotica della Germania ed il castello, situato nella città alta, senza dimenticare, naturalmente, l’edificio dell’università, il municipio e Weidenhausen, il vecchio centro storico, sull’altra sponda del fiuma Lahn. I più coraggiosi potranno salire sulla Spiegelslustturm e godersi il panorama di Marburg di notte o effettuare un’escursione romantica in pedalò sul Lahn. La città è molto vivace e quindi saprà sempre offrire qualcosa di speciale al visitatore, basta chiedere.

Marburg

Alsfeld è universalmente famosa per la sua Altstadt, la città vecchia, con il suo continuo susseguirsi di blocchi di edifici storici. Il centro possiede la tipica disposizione medievale con le mura cittadine che eseguivano un perfetto cerchio attorno alle abitazioni e con il centro situato nella piazza del mercato. Si può ancora oggi dedurre dove era costruito il muro di cinta percorrendo le viuzze, rimaste nel loro stato primitivo, che con le loro curve e giravolte seguivano i bastioni.

Alsfeld

Il municipio fu costruito nel 1512 mentre la Weinhaus, che si trova proprio di fianco al comune e che serviva da deposito per il vino, risale al 1538. All’angolo della Weinhaus si trovano i ceppi a cui venivano incatenati i fuorilegge. Si tratta di uno degli oggetti più fotografati dai turisti.
Appoggiata alla Weinhaus si trova la casa a graticcio più vecchia di Alsfeld. Fu costruita all’inizio del 1350 e allargata e modificata nel 1403 e 1464.
Due chiese e un ossario caratterizzano gli edifici religiosi della città: la Walpurgiskirche, costruita nella seconda metà del XIII secolo, la Beinhaus, l’ossario, del 1368 e la Dreifaltigkeitskirche del 1435, originalmente appartenente ad un monastero Agostiniano.

Butzbach

Chiudiamo questo itinerario con Butzbach che raggiungiamo con l’autostrada A5. Abbiamo lasciato questa cittadina per ultima per dare al viaggio una sequenza stradale logica, ma soprattutto per concludere in vera bellezza la nostra visita di questa parte della Germania. Il suo centro storico, sviluppato attorno alla piazza del mercato, è un susseguirsi di case pittoresche che donano un aspetto incantevole alla città ulteriormente accresciuto dal castello, dalla Marcuskirche e dalla Butzbacher Wendelinskapelle.
Nelle vicinanze si trova l’Hausbergturm, un punto di osservazione dal quale si ha una vista mozzafiato su tutta l’area circostante. Data la bellezza, il luogo è molto frequentato, sia d’estate che d’inverno e anche noi raccomandiamo di salire lassù per ammirare dall’alto Butzbach e una ampia parte del Taunus.

Elenco  città e strutture di sosta

Località Indirizzo struttura Coordinate Lat – Long
Minden Campinglatz Am Hahler Hafen, Am Hahler Hafen, 22,  Minden 52.29893 – 8.85562
Rinteln Wohnmobil-Stellplatz Rinteln – Weserufer,Dankerser Straße,  Rinteln 52.19233 – 9.07852
Lemgo Campingpark Lemgo, Regenstorstraße, 10,  Lemgo 52.02525 – 8.9087
Detmold Wohnmobilstellplatz Detmold “Werrebogen”, Hornsche Straße,Detmold 51.92899 – 8.8878
Blomberg

 

Dorfplatz, Hauptstraße, Blomberg 53.57719 – 7.55852
Schwalenberg Wohnmobilhafen & Campingplatz am SchiederSee, Kronenbruch, 3, Schwalenberg 51.92071 – 9.16471
Höxter

 

Flossplatz, Im Brückfeld, Höxter 51.77301 – 9.38711
Warburg

 

Schutzenplatz,Paderborner Tor, Warburg 51.49 – 9.13813
Wolfhagen Wohnmobilstellplatz Bruchwiesen, Bruchweg, Wolfhagen 51.33052 – 9.17092
Korbach

 

Hobbywiese, Walmestraße, 25, Korbach 51.25942 – 8.93801
Wetter

 

Ringplatz, Ringstraße, Wetter 51.38267 – 7.3987
Marburg

 

Wohnmobilpark, Jahnstraße, Marburg 50.80348 – 8.77553
Alsfeld

 

Erlenstadion, Fulder Weg, Alsfeld 50.74848 – 9.27956
Butzbach

 

Parking Butzbach, Korngasse, Butzbach 50.43565 – 8.67212

Non perderti:

Lascia un commento

GirareLiberi.it é un organo di informazione indipendente in corso di registrazione presso il Tribunale.

Foto, video, documenti, testi ed elaborazioni grafiche pubblicati sono di proprietà della Redazione, degli autori o dei fornitori di GirareLiberi.

Dati, foto, video e contenuti che ci venissero proposti da lettori, fornitori e inserzionisti o terze parti, vengono da noi usati in quanto liberi da diritti. Potranno essere da noi pubblicati senza menzione di origine.   I testi, le foto, le elaborazioni grafiche  e i video editi da GirareLiberi non possono essere copiati o tuttavia utilizzati in forma digitale o cartacea. Non é consentita la diffusi o rielaborazione  anche se solo parziale  senza il consenso espresso della Redazione.

@2021 – P.Iva IT02613410204   GirareLiberi Srl