Home Eventi Vintage, fascino e moda senza tempo a Belgioioso

Vintage, fascino e moda senza tempo a Belgioioso

da Redazione
12 letture

Il vintage è il trend più in voga negli ultimi tempi, ha conquistato qualsiasi settore merceologico e attrae come una calamita per quel fascino senza tempo dei meravigliosi oggetti degli anni passati, siano essi automobili, tv anni ‘70, arredamento o vecchie attrezzature per cucina. Evidentemente però, è la moda che fa la parte del leone nel vintage, con corsi e ricorsi storici degli stili che tornano puntualmente ad ogni cambio di stagione, proposti da griffe blasonate o nei mercatini dedicati, ormai diventati appuntamenti fissi.

La parola vintage deriva dalla lingua francese, in particolare dal termine vendenge, con cui si indicano in senso generico i vini d’annata pregiati. Negli anni il termine ha preso un’accezione moderna in cui vintage significa più ampiamente di qualcosa che deriva da un’altra generazione, di culto, fuori produzione o comunque con un’allure di un’altra epoca, ma sempre contraddistinto da un valore positivo e gradevole.

Al Castello di Belgioioso, vicino Pavia, torna ad ottobre un appuntamento imperdibile per gli amanti del genere fashion old style. La mostra mercato Next Vintage si propone come evento di riferimento, con due edizioni all’anno (primavera ed autunno), sia per la abbondanza di proposte, che per l’incantevole location che incornicia l’esposizione tra le antiche sale.

Il fascino del vintage è indiscutibile, in questo momento particolare ancora di più, conquista tutti perché ha a cuore l’ambiente e contribuisce a salvare il pianeta. Chi sceglie vintage lo fa non solo perché gli piace ma perché partecipa ad una economia circolare contro lo spreco. Si guarda al buon senso e al buon gusto, una semplificazione che riscopre il piacere del vestire “bene ma semplice”, ben lontano da virtuosismi e dettagli sguaiati.

Un nuovo modo di concepire l’abbigliamento del passato, una vera e propria riscoperta del piacere di indossare quello che è stato. E con esso anche un nuovo modo di concepire la moda sostenibile fatta di capi belli e durevoli. Una ennesima nuova vita per la moda vintage che viaggia in parallelo tra revival di abiti e accessori vintage di tutte le epoche e diventa ancora più creativa rielaborando pezzi antichi e vecchi tessuti.

Gli anni ’60, con i loro colori vitaminici e sfavillanti, sono il periodo storico di riferimento delle nuove tendenze vintage che sanno raccontare l’entusiasmo dei giovani di quella generazione. Tailleur eleganti e fashionisti al punto giusto, si abbinano ad accessori speciali: con minibag a mano, scarpe con il tacco quadrato e, perché no, maxi occhiali colorati. Jeans, borse in midollino o paglia, da scegliere anche per la città, camicie a righe, indispensabili per le giornate più calde, dalle versioni in lino a quelle in cotone, rigorosamente a righe colorate, mocassini, neri e lucidi come la pece. Ma anche il pigiama da sera di Emilio Pucci che ha segnato inesorabilmente la moda anni 60, grazie a un coordinato di raso davvero chic o i mitici pantaloni larghi cui si aggiunge il denim ampio tanto amato da icone come Jane Birkin, tessuto nato ruvido e resistente, diventato più volte simbolo di ribellione nel secolo scorso, il denim è stato usato dalle giovani generazioni come feticcio per esprimere idee e provocazioni. Con il suo colore blue indaco, che è un blu non regolare, il denim si stinge progressivamente con i lavaggi e con l’uso, schiarendosi di più dove è maggiore l’attrito: meravigliosa rappresentazione del vintage.

Nel mondo della moda, un capo vintage deve essere difficilmente reperibile e riproducibile, perché fatto con materiali non più esistenti o tagli e stile diversi da quelli attuali, le condizioni dell’oggetto devono essere buone per poter essere indossato. Poi deve essere iconico, semplice e gratificante da indossare, di una generazione passata, realizzato minimo 20/30 anni fa. Non è necessario che sia usato, è considerato vintage anche materiale conservato in stock o magazzini per più di 20 anni, anzi questo gli attribuisce più valore.

Al Castello di Belgioioso la moda vintage si propone insieme ad altri oggetti d’antan, in particolare accessori come borse e valigie, ma anche bigiotteria o vecchi poster. Le sale del castello si riempiono di espositori provenienti da tutta Italia, veri esperti del settore che sanno spiegare cosa significa vintage ed aiutare per uno shopping d’antan con la loro esperienza.

Next Vintage
Castello di Belgioioso
Via Dante Alighieri 1 – Belgioioso (PV)
https://goo.gl/maps/An1Wsth6VRYXuRfq9

date: 14-17 ottobre 2022
orari: 10-20 (lunedì chiusura ore 17)
biglietti 10 euro (ridotto 7 euro)
biglietti online 8,5 euro (acquistabili fino all’apertura della manifestazione)

altre info:
segreteria organizzativa: tel. 0382/970525
info@belgioioso.it
https://www.belgioioso.it/vintage/

credit foto: Andrea Lavaria immagini Next Vintage – Fabio Romanoni foto castello

Non perderti:

Lascia un commento

GirareLiberi.it é un organo di informazione indipendente in corso di registrazione presso il Tribunale.

Foto, video, documenti, testi ed elaborazioni grafiche pubblicati sono di proprietà della Redazione, degli autori o dei fornitori di GirareLiberi.

Dati, foto, video e contenuti che ci venissero proposti da lettori, fornitori e inserzionisti o terze parti, vengono da noi usati in quanto liberi da diritti. Potranno essere da noi pubblicati senza menzione di origine.   I testi, le foto, le elaborazioni grafiche  e i video editi da GirareLiberi non possono essere copiati o tuttavia utilizzati in forma digitale o cartacea. Non é consentita la diffusi o rielaborazione  anche se solo parziale  senza il consenso espresso della Redazione.

@2021 – P.Iva IT02613410204   GirareLiberi Srl