Home Eventi Apfelfesta, Bolzano celebra le mele

Apfelfesta, Bolzano celebra le mele

da Redazione
52 letture

Tra settembre e ottobre la raccolta delle mele vede impegnati tutti i coltivatori del Trentino per quella che è una delle ricchezze della regione. A Bolzano si vuole festeggiare il frutto con la Apfelfesta (dal tedesco Apfel ossia mela), dal 27 al 30 di ottobre, per rendere omaggio al frutto principe delle tavole di mezzo mondo. In piazza Walther coltivatori, musica e laboratori per la prima edizione dell’Apfelfesta.

In Alto Adige sono più di 7.000 le aziende contadine impegnate nella coltivazione delle mele, secondo principi di ecosostenibilità e di una strategia sustainapple che definisce i traguardi più importanti che il mondo della frutticoltura altoatesina intende raggiungere entro i prossimi 10 anni.

La prima edizione della Festa della Mela sarà interamente dedicata alla Mela Alto Adige e a tutto ciò che riguarda questo prodotto di eccellenza del territorio, conosciuto e apprezzato anche oltre i confini. La previsione di raccolta provinciale è pari a 912.803 tonnellate per il 2022 nonostante le ripetute ondate di calore che hanno colpito il territorio durante l’estate mentre in Trentino il totale previsto arriva a 507.306 tonnellate! Numeri che permettono all’Alto Adige di confermarsi la più grande regione europea per la coltivazione della mela e all’Italia intera di consolidare la propria posizione di mercato nel contesto globale, come sottolinea il presidente del Consorzio Mela Alto Adige Georg Kössler.

Croccante, dolce e succosa. Ricca di vitamine (oltre 30), di microelementi, di potassio (100–180 mg) e di altri sali minerali. La mela, nelle sue infinite declinazioni, è uno dei frutti più amati e gustati tutto l’anno: come snack, nello strudel, sotto forma di succo e persino di grappa! Frutto “proibito” nelle pagine della Bibbia ma anche frutto del benessere per le sue infinite proprietà salutari (una mela al giorno… come recita il notissimo proverbio).

In piazza Walther, accanto al bellissimo Duomo, saranno quindi allestiti stand di esposizione e vendita e infopoint per presentare le diverse varietà di mele, nonché i prodotti derivati dalla lavorazione delle mele, dall’aceto al sidro, dallo strudel alle chips di mela, e fornire informazioni sui metodi di coltivazione, di raccolta e distribuzione. Inoltre, la gastronomia bolzanina, sempre pronta a valorizzare le eccellenze a chilometro zero, seguirà la manifestazione con un’offerta gastronomica di qualità attraverso la creazione di piatti a tema: un viaggio nelle molteplici sfumature di gusto che la mela può garantire e al quale parteciperanno i ristoranti Löwengrube, Contamina, Laurin, Fink, Bamboo, Zur Kaiserkron e Hopfen con menù diversi e appetitosi.
La musica riempirà l’atmosfera con le note di Mainfelt (in occasione dell’inaugurazione alle 17 del 27 ottobre), Solaia Jazz (28 ottobre), Evi Mair Quartett (29 ottobre) e Krössbasso (30 ottobre). Parteciperanno anche alcuni gruppi locali e le bande musicali cittadine (nello specifico la Bürgerkapelle Gries alle 17 del 29 ottobre e la Stadtkapelle Bozen). Da segnare sul calendario l’appuntamento con l’organista austriaco Peter Waldner che alle 10.30 del 29 ottobre suonerà un particolare strumento chiamato Apfelorgel.

Anche i bambini avranno modo di divertirsi con spazi dedicati, laboratori, giochi e attività a cura di Tiatro, con sketch divertenti e incursioni dei clown, uno spettacolo “Magic Fantasy”, il truccabimbi che li trasformerà in un supereroe o una principessa, e la creazione di splendidi oggetti utilizzando solo materia prima naturale. Spazio anche alla narrazione con l’avvincente tema “Mela e … altro”.

Non mancheranno l’allestimento decorativo a tema a cura dell’Associazione Floricoltori e le installazioni artistiche a cura di lvh-apa. L’evento è organizzato dall’Azienda di Soggiorno, in collaborazione con il Consorzio Mela Alto Adige e con il patrocinio del Comune di Bolzano (info@bolzano-bozen.it).

Per la parte più scientifica verranno organizzati alcuni approfondimenti nella Sala delle Aste di Palazzo Mercantile con la partecipazione, tra gli altri esperti, del dottore di nutrizione e dietologia Lucio Lucchin e di Michael Oberhuber del Centro Sperimentazione di Laimburg. Il primo fornirà anche uno sguardo sul variegato mondo delle allergie mentre il secondo abbraccerà gli orizzonti della ricerca attuale. Si dibatterà, inoltre, della diversità della mela in Alto Adige, della sostenibilità della sua produzione e dell’impatto che il cambiamento climatico sta avendo su questo frutto e ovviamente non mancheranno accenni agli aspetti nutrizionali.

A passeggio tra i meleti


Per scoprire tutto sul mondo delle mele è possibile partecipare a una delle tante visite guidate sul territorio con gli ambasciatori della mela: piacevoli passeggiate tra i meleti per scoprire i segreti di questi gustosi frutti che occupano un posto d’onore tra le specialità altoatesine e assaggiare così alcune varietà tra le più conosciute (info https://www.melaaltoadige.com/it/il-mondo-delle-mele/visite-guidate-ai-meleti.html).

Il 29 ottobre da non perdere la visita guidata al meleto di Laives, “città della mela” a soli 8 km da Bolzano, completamente immersa nei meleti e dall’interessante passato storico, nonché crogiolo di culture e di contrasti che la rendono unica. La visita guidata ad uno dei tanti masi frutticoli della zona offre la possibilità di conoscere da vicino il mondo della coltivazione delle mele e degustarne i diversi tipi, anche sotto forma di ottimo succo.
Info presso: Tourist-Info Laives,
0471 950 420
tourist@laives-info.it

credit foto
apertura: pexels-ylanite-koppens
altre foto: Azienda di Soggiorno e Turismo di Bolzano

Non perderti:

Lascia un commento

GirareLiberi.it é un organo di informazione indipendente in corso di registrazione presso il Tribunale.

Foto, video, documenti, testi ed elaborazioni grafiche pubblicati sono di proprietà della Redazione, degli autori o dei fornitori di GirareLiberi.

Dati, foto, video e contenuti che ci venissero proposti da lettori, fornitori e inserzionisti o terze parti, vengono da noi usati in quanto liberi da diritti. Potranno essere da noi pubblicati senza menzione di origine.   I testi, le foto, le elaborazioni grafiche  e i video editi da GirareLiberi non possono essere copiati o tuttavia utilizzati in forma digitale o cartacea. Non é consentita la diffusi o rielaborazione  anche se solo parziale  senza il consenso espresso della Redazione.

@2021 – P.Iva IT02613410204   GirareLiberi Srl