Home Eventi L’arte contemporanea approda alle grotte di Catullo, sul Lago di Garda

L’arte contemporanea approda alle grotte di Catullo, sul Lago di Garda

da Redazione
32 letture tempo di lettura 6 minuti

Approda sulle rive di Sirmione del Lago di Garda, per il secondo anno consecutivo, la mostra-evento “Stravaganze Imperiali”, un progetto artistico multimediale dell’artista e curatrice Vera Uberti, proposto da MAI Museum con il supporto della Direzione Regionale Musei della Lombardia e del Comune di Sirmione, ospitato dalle Grotte di Catullo dal 2 giugno al30 luglio 2022. Otto maxi-installazioni luminose multimediali, in rapporto con il paesaggio circostante, accenderanno e faranno emergere l’energia monumentale delle Grotte.

L’area archeologica delle Grotte di Catullo è il più importante esempio archeologico di villa romana della prima età imperiale presente nell’Italia settentrionale; conserva infatti al suo interno due ettari dei resti di Villa Catullo, una delle maggiori ville residenziali romane del Nord Italia, circondata da uno storico uliveto che conta più di 1.500 alberi. Collocata su uno sperone roccioso, in una posizione eccezionale sulla punta della penisola di Sirmione, dalla Villa è possibile godere di una vista mozzafiato.

La magia della bellezza del Lago di Garda in una cornice storica unica come le Grotte di Catullo, vista da una prospettiva inedita e fortemente emozionale; un’esperienza di rivitalizzazione del territorio del lago attraverso un’operazione di grande valore culturale e artistico. MAI Museum infatti è un open-air museum che combina arte contemporanea e tecnologia multimediale, reinterpretando luoghi pieni di significato sul Lago del Garda e in tutto il mondo. La mostra “Stravaganze Imperiali” non è dunque solo un progetto artistico, ma piuttosto un’iniziativa dai risvolti culturali importanti. Con l’obiettivo, infatti, di valorizzare le bellezze italiane tramite l’arte contemporanea, MAI Museum prende parte all’iniziativa Art Bonus, in cui le società del privato possono concorrere a implementazione e miglioria di enti pubblici legati alla fruizione dello spettacolo. “Stravaganze imperiali” contribuirà ad aiutare l’area archeologica delle Grotte di Catullo a essere conservata e valorizzata attraverso la progettazione di un nuovo impianto luminoso.
Per la realizzazione dell’evento, MAI Museum si avvale delle competenze e dell’esperienza dalla Fondazione Francesco Soldano, da più di vent’anni volano di iniziative culturali sul territorio, con la presenza di numerosi ospiti di caratura internazionale.

Per la prima volta, grazie alla mostra “Stravaganze Imperiali” le Grotte di Catullo ospiteranno installazioni multimediali e opere d’arte contemporanea dell’artista Vera Uberti, e un trittico digitale dell’artista David LaChapelle; saranno visitabili durante la sera, dalle ore 20:45 alla mezzanotte, in un’atmosfera unica e irripetibile che permetterà di ammirarle illuminate come mai viste prima.
La mostra sarà inoltre l’occasione per un’esperienza immersiva a 360 gradi che risveglierà in profondità tutti i sensi: luce, suoni, ma anche gusto e profumi. Una food experience d’autore concluderà infatti la serata con un momento conviviale. Il vino sarà il viatico per questo viaggio nel tempo, alla riscoperta di riti e simbologie romane.

La visita inizia all’ingresso delle Grotte di Catullo con un aperitivo di benvenuto, per aspettare il tramonto godendo di uno sguardo privilegiato sul lago di Garda. Appena cala il buio, le porte della Villa si aprono per ricevere i visitatori.

Il Lago delle Lacrime dell’edizione 2021

Il Campo degli Ulivi
La prima installazione che si apre agli occhi del pubblico è il Campo degli Ulivi: 60 alberi del campo si illuminano facendo vivere l’emozione di entrare in un mondo dove l’opulenza di un’epoca viene rappresentata da ulivi giganti e dorati, evocando l’abbondanza e la ricchezza in cui vissero e vivono i ‘potenti’ di ogni epoca storica.

Il Serpente
Si prosegue con Il Serpente: 140 tubi a luce LED colorati, in movimento, danno vita a un serpente, simbolo sacro della fertilità, della salute e della protezione nel periodo romano. Qui il visitatore viene invitato a raccogliersi in un momento di riflessione attraverso l’emozione che suscita l’installazione.

La grande navata centrale
Attraversando il parco della Villa si arriva alla grande navata centrale dell’arte. Così come l’anno precedente sull’Isola del Garda era stata scelta come artist guest Pipilotti Rist, anche quest’anno la mostra “Stravaganze imperiali” presenta un grande nome dell’arte e della fotografia contemporanea, David LaChapelle, che in questi mesi è ospitato al Mudec di Milano con la mostra personale “David LaChapelle. I Believe in Miracles”. Attraverso il suo sguardo inconfondibile, l’artista ha saputo analizzare il presente e anticipare il futuro: un trittico multimediale di sue celebri fotografie, firmato dall’artista, evoca dunque la grandiosità dei veri protagonisti della storia di tutti i tempi, così come il dolore, le speranze, le paure e i sogni del tempo in cui viviamo.

Swimmingold
L’installazione Swimmingold propone al visitatore la vasca termale, tipica nelle ville romane, reinterpretata in un gioco di luci e fumo che colorano lo spazio; una vera e propria cromoterapia che permette al visitatore un ‘bagno’ emozionale attraverso l’energia del colore.

Le poesie di Catullo
Scendendo le scale per arrivare al piano inferiore, si possono ascoltare le Poesie di Catullo, espressione letteraria tra le più alte della cultura classica.

“Great dreams great minds”
Così recita la scritta neon che campeggia sopra il portale, e che rappresenta la lungimiranza delle grandi menti del periodo antico romano. Un invito per lo spettatore a vedere il mondo con sguardo e visione nuovi.

Il ruggito
Il ruggito infine è un’installazione sonora che sorprende il pubblico con la forza di un urlo, un segnale forte che ricorda di aprire gli occhi alla vita, di essere pronti ad affrontare le sfide, di non rimanere fermi. Un omaggio evocativo alla forza e al carisma degli antichi imperatori romani.

La curatrice e artista Vera Uberti
Vera Uberti è nata in Brasile nel 1964, vive e lavora tra Italia e Brasile. Le mostre firmate da Vera Uberti nascono dal desiderio di toccare lo stato d’animo e provocare forti emozioni negli spettatori. Luci, suoni e parole dialogano con il paesaggio, trasformandolo e invitando i visitatori a nutrirsi di sogni e fantasia. Magia. Vera concepisce il linguaggio artistico in totale libertà e flessibilità, giocando con le luci, parole, oggetti, trasformando il paesaggio e coinvolgendo il territorio intorno.

Informazioni
Date e orari: dal 2 giugno al 30 luglio 2022, dalle ore 20:45 alle ore 24:00.
Presso Grotte di Catullo: Piazzale Orti Manara, 4 – Sirmione

Ingresso all’evento 110€, in vendita online sul sito www.maimuseum.it e www.vivaticket.it. Ingresso gratuito per bambini fino ai 6 anni, dai 7 ai 12 anni riduzione 50%.

Ulteriori informazioni
www.maimuseum.it. Informazioni disponibili anche sui canali social: IG @maimuseum | FB @maimuseum

Non perderti:

Lascia un commento

GirareLiberi.it é un organo di informazione indipendente in corso di registrazione presso il Tribunale.

Foto, video, documenti, testi ed elaborazioni grafiche pubblicati sono di proprietà della Redazione, degli autori o dei fornitori di GirareLiberi.

Dati, foto, video e contenuti che ci venissero proposti da lettori, fornitori e inserzionisti o terze parti, vengono da noi usati in quanto liberi da diritti. Potranno essere da noi pubblicati senza menzione di origine.   I testi, le foto, le elaborazioni grafiche  e i video editi da GirareLiberi non possono essere copiati o tuttavia utilizzati in forma digitale o cartacea. Non é consentita la diffusi o rielaborazione  anche se solo parziale  senza il consenso espresso della Redazione.

@2021 – P.Iva IT02613410204   GirareLiberi Srl

Dimensione testo-+=