Fiat Fiorino Ognitempo

Anche la Fiat propose sul mercato un furgone camperizzato tra gli anni settanta e ottanta, sulla base del Fiorino

Tempo di lettura: 2 minuti
Fiat Fiorino Ognitempo

I minivan sono uno dei trend più attuali: per i più giovani – camperisticamente parlando – potrebbero sembrare la novità delle ultime stagioni. In realtà da sempre affiancano i camper, anzi sono stati proprio i furgoni camperizzati a precedere i moderni autocaravan pannellati di oggi. Oltre agli immortali e osannati modelli Volkswagen, chiamati spesso con nomignoli che hanno sostituito il nome ufficiale nell’uso corrente, come “Bulli” ad esempio, anche altre case automobilistiche (ricordiamo la Citroen con la Dyane furgonetta e alcuni modelli della Renault) si cimentarono nell’esercizio. Pochi sanno che anche Fiat, sul finire degli anni settanta, tentò la strada del veicolo camperizzato partendo dalla base del mitico Fiorino che fu commercializzato con il nome di “Fiorino Ognitempo”.
Il modello era allestito da una azienda specializzata nella preparazione camper, la Policamper di Spilamberto (MO), tutt’oggi esistente, che realizzava questa simpatica furgonetta sulla base del Fiorino Combinato, quello con cassone posteriore chiuso e vetrato. Il motore era quello della 127 Fiat seconda generazione, il 1.050 cc a benzina (cui era affiancata anche la versione diesel da 1.300 cc).

Potresti essere interessato a:  Effetto virato seppia
Fiat Fiorino Combinato, base del modello camperizzato “Ognitempo”

Da notare gli allestimenti che oggi farebbero sorridere nella loro essenzialità, di fatto accessori da campeggio che in qualche modo (peraltro pregevole a guardare i dettagli) venivano montati sul Fiorino, come il piano cottura a due fuochi pieghevole nel portellone destro posteriore o le tante tasche (nel portellone o interne) destinate a piatti, accessori per cucina o quant’altro. Fa tenerezza, rispetto ai circuiti di oggi, la tanica orizzontale con il tappo a beccuccio come rubinetto per l’acqua, con scarico … a terra!

Oggi, nella migliore delle ipotesi, chi usasse un sistema del genere si beccherebbe una denuncia per inquinamento, un verbale con multa dalla polizia locale e, peggio, una “fustigazione” digitale sui social con corollario di commenti al veleno. Noi preferiamo immaginare questo simpatico Fiorino sulle strade della Grecia (la prima meta di milioni di noi diversamente giovani in quegli anni), con l’equipaggio dotato di pantaloni a zampa di elefante, chitarra d’ordinanza e tanti progetti per il futuro … si poteva ancora sognare, allora!

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on pinterest
Share on email
Potresti essere interessato a:  Laika Motorpolo
Potrebbe interessarti
Laika Motorpolo

La prima raccolta di foto vintage è dedicata alla fortunata serie Laika degli anni ottanta, la Motorpolo, nata sul finire degli anni settanta

Effetto virato seppia

Girare Liberi vuole proporre una carrellata di articoli e soprattutto fotografie d’epoca degli anni ottanta, quando il camper divenne moderno e diffuso così come lo conosciamo oggi.

Gli ultimi articoli

Redazione

TTG a Rimini: risale la fiducia nel turismo

La fiera per operatori professionali dedicata al turismo si è chiusa con un’affluenza che ha sfiorato i livelli pre-pandemia: ben 1.800 i brand presenti dall’Italia e dall’estero

Redazione

Sagra della Ciuìga

Al via la ventesima edizione, a San Lorenzo in Banale, nelle Dolomiti della Paganella. Dal 29 ottobre al primo novembre, si celebra il tipico insaccato locale oggi presidio Slow Food tra degustazioni, eventi, visite, artigianato e menù a tema

a.cortellessa

Contro il freddo

I riscaldatori a gasolio sono sempre più diffusi sui camper anche in primo equipaggiamento, visti gli oggettivi vantaggi che offrono. Perché non pensare ad un sistema ausiliario di riscaldamento “diesel” se il nostro camper non ne è dotato?

Dimensione testo-+=