Colori d’autunno in Valtellina

Escursioni a Bormio tra il foliage del Parco nazionale dello Stelvio, i sentieri della Grande Guerra, il canto d’amore dei cervi e lo sci al ghiacciaio. Dopo, il riposo alle terme

Tempo di lettura: 3 minuti
il bramito dei cervi nel Parco Nazionale dello Stelvio

Una full immersion nei caldi colori autunnali: a Bormio la stagione tra settembre e ottobre colora gli alberi con le tipiche tinte del foliage: Larice, Frassino, Pioppo tremulo, Betulla e Sorbo degli uccellatori sono le specie che si tingono tra le montagne del Parco Nazionale dello Stelvio. A rendere unico e ancora più suggestivo questo spettacolo è però anche il suggestivo bramito del cervo: il canto d’amore che si sente echeggiare nei boschi della Val Zebrù e della Valle dei Forni, ai piedi del massiccio Ortles-Cevedale. Sono numerose le colonie di cervi che popolano queste aree del Parco e, come ogni autunno, è facile imbattersi nell’ascolto dell’emozionante canto dei cervi maschi. Il cervo d’abitudine vive in gruppo, ma durante la stagione degli amori i maschi cercano di allontanarsi tra loro. Quelli che con il proprio verso riescono ad intimorire maggiormente gli altri pretendenti hanno la possibilità di rivendicare la priorità sulla scelta delle femmine. Se il bramito non dovesse spaventare i rivali, i contendenti sono pronti ad “incrociare” l’avversario in una romantica singolar tenzone (escursioni: https://www.bormio.eu/it/il-bramito-del-cervo-emozioni-in-natura-2021/). Per i meno allenati, c’è la possibilità di effettuare l’escursione in fuoristrada contattando il numero tel. 0342 903300.

Percorsi di Guerra
Guerra Bianca, così fu definita in montagna la Prima Guerra Mondiale. Combattuta a altitudini elevate, dove freddo e neve sono padroni del territorio per mesi, fu una guerra sfiancante, in cui la resistenza fisica era messa a dura prova. Oggi è possibile ripercorrere, in uno spettacolare ambiente naturale, le vicende belliche della Guerra ’15-’18 che si svilupparono in queste zone, facendosi una chiara idea di come si viveva e si combatteva sulle montagne.
Di quel tragico periodo, nell’area del Parco Nazionale dello Stelvio, restano infatti numerose tracce: trincee, postazioni d’artiglieria, resti di rifugi, villaggi militari, strade, mulattiere. Numerosi gli itinerari di questo viaggio nel tempo: Forcola di Rims, Valle del Gavia, Val Cedec e Val Zebrù. Da evidenziare il percorso del Filon del Mot, dove è possibile visitare due villaggi militari ancora ben conservati, e l’itinerario Monte Scorluzzo, dove è stato recuperato dal Parco Nazionale dello Stelvio un ricovero austro-ungarico in caverna, rimasto intatto grazie ai ghiacciai. Il ritrovamento è in corso di ricostruzione e sarà esposto nel Museo della Guerra che sorgerà a Bormio. Per informazioni dettagliate sugli itinerari o per l’accompagnamento di una guida alpina:
https://www.bormio.eu/it/sui-sentieri-della-grande-guerra-tra-stelvio-gavia-e-forni/

Potresti essere interessato a:  Radicepura Garden Festival

Lo sport in ogni stagione
Aspettando l’inverno, è possibile sciare sul ghiacciaio dello Stelvio. Oltre 20 km di piste tra il Passo dello Stelvio (2.758 m s.l.m.) e il Monte Cristallo (3.450 m. s.l.m.), 6 impianti di risalita, di cui 2 funivie che collegano il Passo al Livrio, 3 piste da fondo: la più vasta area sciabile estiva delle Alpi. Aperto fino al 30 ottobre e circondato dalle imponenti vette del gruppo Ortles-Cevedale, il comprensorio si offre agli amanti dello sci in vista della stagione invernale

Le terme di Bormio

Terme, relax coccolati al caldo
Dopo tante escursioni e sport niente di meglio che un caldo relax coccolati alle terme. Bormio è famosa in tutto il mondo per le sue calde acque termali naturali (36°- 41°), conosciute fin dai tempi degli antichi romani. Tre stabilimenti – Bormio Terme, QC Terme Bagni Nuovi e QC Terme Bagni Vecchi – offrono oltre settanta differenti tipi di pratiche termali, comprese piscine interne ed esterne, con la possibilità di provare massaggi, fanghi, trattamenti estetici e terapie mediche. Bormio Terme, accessibile anche ai bambini ed attrezzate con piscine dedicate, sono l’oasi ideale per famiglie. La struttura è inoltre un importante centro curativo, convenzionato con il Sistema Sanitario Nazionale.

foliage in Valtellina

Per maggiori informazioni su tutta l’area di Bormio:
www.bormio.eu
info@bormio.eu
Tel. 0342 903300

Area sosta camper
Via Battaglion Morbegno, 20 – Bormio
GPS 46.462893080095704, 10.371362653969353
https://goo.gl/maps/X4Bug1QMCn36xvAU8

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Potresti essere interessato a:  L’autunno incantato del Renon
Share on pinterest
Share on email
Potrebbe interessarti
Foliage all’Oasi Zegna

Un ricchissimo programma di eventi, escursioni, attività didattiche, menù di stagione per scoprire l’Oasi Zegna nel periodo più “colorato” dell’anno

HalLEOween

Dal 25 settembre il parco Leolandia si trasforma nel magico mondo di HalLEOween, fino al 31 ottobre

L’autunno incantato del Renon

Escursioni panoramiche a bordo dell’antica ferrovia a cremagliera che portava i passeggeri dal centro di Bolzano direttamente fin sul Renon

Autunno all’Alpe Cimbra

Attività outdoor, eventi enogastronomici ed escursioni a piedi e in mtb tra i colori magici del foliage

Galleria Senza Soffitto

A Mondolfo (PU) continua e si arricchisce di nuove opere il progetto di arte urbana permanente “Galleria senza soffitto”, inaugurato ad agosto 2020

Fine estate in Alta Valtaro

Una bella combinata tra la visita al Salone del Camper a Parma e la vicina Alta Valtaro può essere un’idea assai gradevole per chiudere l’estate in bellezza, tra natura, frutti del bosco e ottima cucina

Gli ultimi articoli

Redazione

TTG a Rimini: risale la fiducia nel turismo

La fiera per operatori professionali dedicata al turismo si è chiusa con un’affluenza che ha sfiorato i livelli pre-pandemia: ben 1.800 i brand presenti dall’Italia e dall’estero

Redazione

Sagra della Ciuìga

Al via la ventesima edizione, a San Lorenzo in Banale, nelle Dolomiti della Paganella. Dal 29 ottobre al primo novembre, si celebra il tipico insaccato locale oggi presidio Slow Food tra degustazioni, eventi, visite, artigianato e menù a tema

a.cortellessa

Contro il freddo

I riscaldatori a gasolio sono sempre più diffusi sui camper anche in primo equipaggiamento, visti gli oggettivi vantaggi che offrono. Perché non pensare ad un sistema ausiliario di riscaldamento “diesel” se il nostro camper non ne è dotato?

Dimensione testo-+=