Autunno all’Alpe Cimbra

Attività outdoor, eventi enogastronomici ed escursioni a piedi e in mtb tra i colori magici del foliage

Tempo di lettura: 4 minuti
Autunno all'Alpe Cimbra

Vivere gli ultimi scampoli di estate mentre l’autunno prende possesso del territorio, l’equinozio di settembre scandisce l’inizio del cammino verso l’inverno con un vero e proprio spettacolo di profumi e di colori, tipico di questa stagione. L’Alpe Cimbra in autunno è pronta ad accogliere i visitatori con un ricco calendario di eventi ispirati al foliage, ai sapori d’autunno, alla cultura e alle antiche tradizioni.

Per salutare l’estate e dare il benvenuto all’autunno il 18 e 19 settembre ritorna Latte in Festa, esperienza unica nel suo genere, la possibilità per grandi e piccini di vivere da vicino il mondo del latte (Girare Liberi ne ha già parlato, vedi https://www.girareliberi.it/2021/08/24/latte-in-festa-allalpe-di-cimbra/). Un vero e proprio percorso basato sulla conoscenza e sulla degustazione dei prodotti lattiero caseari tipici del territorio per conoscere le montagne, la vita delle malghe, la produzione di latte, formaggio e i suoi derivati secondo metodi antichi e in particolare il formaggio Vezzena.

Il 2 ottobre (data modificata, inizialmente prevista il 19 settembre) va in scena la Festa della Pera al Parco comunale di Vattaro, frutto della tradizione e della storia culturale e gastronomica della località. Si potranno scoprire le bellezze, le antiche tradizioni del luogo e gustare i sapori unici di questo territorio, grazie alla presenza di associazioni, aziende agricole, ristoranti e albergatori. Il dolce simbolo della festa, la “Torta de Peri” e altre prelibatezze a base di pera saranno protagoniste della scena

Il Festival del porcino sarà invece in scena nei giorni 25 e 26 settembre a Lavarone. Sono previste attività, degustazioni e un variopinto Mercato della terra, dove il piccolo e gustoso re del bosco sarà ospite d’onore. L’evento è rivolto sia agli appassionati che ne vanno alla ricerca, sia a coloro che preferiscono gustarlo comodamente a tavola, come saporitissimo ingrediente impiegato per gustose ricette.

Zimbartörggelen Herbst atz Lusérn il 3 ottobre a Luserna: una camminata enogastronomica di circa 7 km farà vivere ogni singolo istante dell’autunno a Lusérn! Qui il tempo sembra essersi fermato, la natura esprime in ogni stagione la sua prepotenza e in autunno mette in scena una trama fatta di colori caldi, di profumi e sensazioni, di suoni ovattati, di ricordi tra i muri antichi del centro storico del paese e dalle movenze dei suoi abitanti, dal suono della lingua cimbra di cui si ode l’eco tutt’intorno. In questa cornice da fiaba prende vita “Zimbartörggelen Herbst atz Lusérn”, un trekking, un percorso con dolci dislivelli, che tocca i punti panoramici e i luoghi simbolo di Lusèrn e porta, nelle tappe gastronomiche, a scoprire le prelibatezze della cucina cimbra e la maestria dei suoi ristoratori.

Potresti essere interessato a:  Alpe Cimbra: il lago di Lavarone è Bandiera Blu anche per il 2021

Sempre in tema enogastronomico la Festa del Porro il 9 e 10 ottobre a Nosellari: il sapore di questo porro è molto delicato per cui trova diversi impieghi nella cucina locale. A questo splendido ortaggio la Comunità Slow Food per lo sviluppo agroculturale degli altipiani cimbri ha voluto dedicare un’intera giornata al fine di conoscerlo, degustarlo e perché no, acquistarlo.

Torgellen sull’Alpe è invece un nuovo weekend di escursioni e proposte enogastronomiche previsto per il 16 e 17 ottobre che coinvolgerà tutto il territorio: escursioni guidate bike e trekking lungo i percorsi più suggestivi dei Comuni di Folgaria, Lavarone, Lusèrn e della Vigolana. Saranno i profumi del vino novello, delle caldarroste, i colori delle zucche a caratterizzare le tavole di malghe, rifugi e ristoranti.

La Festa delle Castagne a Centa San Nicolò il 23 e 24 ottobre suggella la stagione: due giornate, a cura dell’Associazione tutela del castagno della Valle del Centa, all’insegna della regina dell’autunno, la castagna. Immersi nell’atmosfera autunnale tanti appuntamenti da non perdere: il trekking del gusto, la mini pedalata d’autunno, il pranzo del castanicoltore, animazione e buona musica, dolci a base di castagne e naturalmente caldarroste e vin brûlé. La festa è un viaggio nel castagneto di Centa San Nicolò caratterizzato da piante secolari e da una tradizione, quella della castanicoltura. La castagna di Centa si fregia denominazione di origine protetta (DOP) “Marone Trentino”.

Per concludere il ricco calendario di eventi tre giorni interamente dedicati ai prodotti del Trentino e del territorio dell’Alpe: la Dispensa dell’Alpe Cimbra il 22-24 ottobre a Folgaria. Al centro convegni con importanti relatori sui temi della sostenibilità, delle terre alte, del turismo slow e sulla valorizzazione della filiera legata al prodotto a km zero. Il sabato e la domenica prenderà vita il Mercato della Terra con la partecipazione dei produttori trentini, numerosi laboratori per i bambini e show cooking per gli appassionati di cucina, trekking tematici alla scoperta dei luoghi di produzione.

Foliage all’Alpe Cimbra

L’autunno, poi, è la stagione per andare in cerca di funghi ed è perfetto per il trekking e la bike nei boschi: ogni weekend l’Azienda per il Turismo Alpe Cimbra organizza delle escursioni guidate lungo i percorsi più suggestivi. I trail dell’Alpe Cimbra si ricoprono in autunno di una soffice coperta di foglie: dal Lago alla Montagna, la Valle del Rosspach, il Zimbarlant Tour, i 60 km della Vigolana con una vista incredibile sul lago di Caldonazzo sono alcuni dei percorsi. L’unico rumore che infrange la quiete del bosco è il crepitio delle foglie sotto le ruote della Mtb. Il trekking e le escursioni a piedi sono rese ancora più affascinanti dai suoni della natura che si prepara ad andare in “letargo”: il silenzio che amplifica il suono dell’acqua che scorre lungo i torrenti, il bramito dei cervi e i versi dei tanti animali del bosco. Le uscite dedicate all’animal watching portano ancora altre esperienze, dall’ascolto del bramito del cervo, all’osservazione all’alba delle marmotte alle camminate a piedi nudi su letti di foglie.

Potresti essere interessato a:  Venezia in kayak

Info sul sito www.alpecimbra

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on pinterest
Share on email
Potrebbe interessarti
Foliage all’Oasi Zegna

Un ricchissimo programma di eventi, escursioni, attività didattiche, menù di stagione per scoprire l’Oasi Zegna nel periodo più “colorato” dell’anno

HalLEOween

Dal 25 settembre il parco Leolandia si trasforma nel magico mondo di HalLEOween, fino al 31 ottobre

Colori d’autunno in Valtellina

Escursioni a Bormio tra il foliage del Parco nazionale dello Stelvio, i sentieri della Grande Guerra, il canto d’amore dei cervi e lo sci al ghiacciaio. Dopo, il riposo alle terme

L’autunno incantato del Renon

Escursioni panoramiche a bordo dell’antica ferrovia a cremagliera che portava i passeggeri dal centro di Bolzano direttamente fin sul Renon

Galleria Senza Soffitto

A Mondolfo (PU) continua e si arricchisce di nuove opere il progetto di arte urbana permanente “Galleria senza soffitto”, inaugurato ad agosto 2020

Fine estate in Alta Valtaro

Una bella combinata tra la visita al Salone del Camper a Parma e la vicina Alta Valtaro può essere un’idea assai gradevole per chiudere l’estate in bellezza, tra natura, frutti del bosco e ottima cucina

Gli ultimi articoli

Redazione

TTG a Rimini: risale la fiducia nel turismo

La fiera per operatori professionali dedicata al turismo si è chiusa con un’affluenza che ha sfiorato i livelli pre-pandemia: ben 1.800 i brand presenti dall’Italia e dall’estero

Redazione

Sagra della Ciuìga

Al via la ventesima edizione, a San Lorenzo in Banale, nelle Dolomiti della Paganella. Dal 29 ottobre al primo novembre, si celebra il tipico insaccato locale oggi presidio Slow Food tra degustazioni, eventi, visite, artigianato e menù a tema

a.cortellessa

Contro il freddo

I riscaldatori a gasolio sono sempre più diffusi sui camper anche in primo equipaggiamento, visti gli oggettivi vantaggi che offrono. Perché non pensare ad un sistema ausiliario di riscaldamento “diesel” se il nostro camper non ne è dotato?

Dimensione testo-+=