Festa Artusiana

Dal 31 luglio all’8 agosto, la festa della cultura a tavola a Forlinpopoli, patria natale di Pellegrino Artusi, il più famoso gastronomo italiano

Tempo di lettura: 2 minuti
Festa Artusiana a Forlinpopoli

Non poteva che svolgersi a Forlimpopoli, nel cuore della Romagna in provincia di Forli-Cesena, patria natale di Pellegrino Artusi, la festa della cultura a tavola. Al più famoso gastronomo italiano, nato a Forlimpopoli il 4 Agosto del 1820, viene dedicata, da diversi anni ormai, questa manifestazione dal “sapore” genuino e tradizionale.
Nonostante gran parte della sua vita da appassionato di cucina la visse a Firenze, e li vi scrisse il suo famosissimo libro “La scienza in cucina e l’arte di mangiare bene” è Forlimpopoli che celebra questa sua passione che ha fatto, e tutt’ora continua, a fare scuola in cucina. Le sue ricette pubblicate sono cresciute dalle 475 della prima edizione del 1891 alle 790 dell’ultima (e ancora attuale!) del 1911.
Pellegrino Artusi ha creato uno standard, un punto di riferimento importante per la cucina tradizionale italiana, raccogliendo e pubblicando numerose ricette della tradizione italiana, le cui basi sono quelle da cui molti chef partono per creare i moderni piatti proposti nei loro ristoranti.

Festa Artusiana a Forlinpopoli

 

Per una settimana intera la cittadina romagnola si veste a festa, le piazze e le vie si riempiono di stand culinari che ripropongono molte delle ricette artusiane, un vero e proprio Luna Park per gastronomi, un circo per le papille gustative, una passeggiata e un viaggio nella gastronomia italiana.

Potresti essere interessato a:  Un Salone sempre più green

Non mancano ovviamente anche concorsi e premi dedicati a chi si vuol cimentare in cucina. Il più conosciuto è senza dubbio il “Premio Marietta”, dedicato alla governante a cui Artusi era particolarmente affezionato. Un concorso di cucina che premia la ricetta migliore. L’edizione 2021 vede anche un concorso dedicato al “Nocino” più buono, rigorosamente prodotto in casa.

Per maggiori informazioni
http://www.festartusiana.it/

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on pinterest
Share on email
Potrebbe interessarti
TTG a Rimini: risale la fiducia nel turismo

La fiera per operatori professionali dedicata al turismo si è chiusa con un’affluenza che ha sfiorato i livelli pre-pandemia: ben 1.800 i brand presenti dall’Italia e dall’estero

Sagra della Ciuìga

Al via la ventesima edizione, a San Lorenzo in Banale, nelle Dolomiti della Paganella. Dal 29 ottobre al primo novembre, si celebra il tipico insaccato locale oggi presidio Slow Food tra degustazioni, eventi, visite, artigianato e menù a tema

La Festa del Bosco

Torna a Montone (PG), dal 29 ottobre al primo novembre 2021, la Festa del Bosco, una delle più suggestive manifestazioni autunnali in Umbria: un evento che valorizza le piccole produzioni autoctone

Potresti essere interessato a:  Ardita, la Ciclostorica dell’Alpe di Poti
Mercatini di Natale al via

Dal 6 all’8 dicembre tornano i Mercatini di Natale di Santa Maria Maggiore, borgo incantato in provincia di Verbania, Bandiera Arancione Touring

Frantoi Aperti

In Umbria, dal 30 ottobre al 28 novembre, la XXIV Edizione della kermesse dedicata all’olio extravergine d’oliva appena franto

Turismo Natura

Dal 12 al 14 novembre torna TurismoNatura alla Fiera di Montichiari, salone dedicato al camper, caravan, accessori e una sezione speciale dedicata alla nautica dei laghi

Gli ultimi articoli

Redazione

Anche la nautica a Turismo e Natura

L’evento Turismo e Natura, in programma alla fiera di Montichiari dal 12 al 14 novembre, prevede uno spazio dedicato alla nautica oltre all’esposizione di camper

a.cortellessa

Il valore della pausa

Dopo quasi due anni di emergenza sanitaria e il lento ritorno alla normalità, la situazione vissuta ci ha insegnato a dar maggior valore alla “pausa”. In camper, la pausa è ovunque …

a.cortellessa

Contro il freddo

I riscaldatori a gasolio sono sempre più diffusi sui camper anche in primo equipaggiamento, visti gli oggettivi vantaggi che offrono. Perché non pensare ad un sistema ausiliario di riscaldamento “diesel” se il nostro camper non ne è dotato?

Dimensione testo-+=