Il sole di mezzanotte nella Lapponia svedese

Un viaggio lento attraverso la natura magnifica della Lapponia svedese orientale, tra il sole di mezzanotte, l’aurora boreale, natura incontaminata e l’incontro di tre culture: svedese, finlandese e sami

Tempo di lettura: 8 minuti
cena all'aperto al sole di mezzanotte - foto Michael Törnkvist

 

L’esperienza del relax che viene dal vivere negli spazi verdi è scientificamente provato, il benessere psico-fisico aumenta all’aumentare del tempo che passiamo in luoghi dove la natura è protagonista e stress, rumore e inquinamento sono lontani.
La Lapponia svedese è una meta ideale per chi abbia voglia di una vacanza all’insegna del verde e dei grandi spazi. La parte artica della Svezia offre una natura prorompente con immense foreste, montagne, tundra, fiumi, arcipelaghi e migliaia di laghi. La regione occupa un quarto della superficie della Svezia, un’area di 115.00 kmq e conta solo 320.000 abitanti. E’ ancora una destinazione genuina, lontana dal turismo di massa, dove domina il turismo su piccola scala costruito intorno alle persone e alle relazioni umane, soprattutto nella parte orientale al confine con la Finlandia, chiamata Heart of Lapland. Tre fiumi formano il confine lungo 540 km tra i due Paesi, con il fiume Torne che sfocia nel Golfo di Botnia. Sia il fiume Torne che l’adiacente fiume Kalix sono ancora puri e inalterati, ricchi di fauna, 85.000 salmoni nuotano ogni anno nei due fiumi, attraversano una natura selvaggia ma anche vallate fertili con piccoli paesini dove le coltivazioni sono possibili grazie al sole di mezzanotte. Passeggiare, andare in canoa nel cuore della notte sotto la luce magica del sole di mezzanotte è un’esperienza da provare una volta nella vita.

Sole di mezzanotte – foto Michael Törnkvist


Le città gemelle di Haparanda, la più orientale della Svezia, e Tornio in Finlandia, sono situate sui lati opposti del fiume Torne e separate dal diverso fuso orario. Insieme formano uno storico centro di commerci durante la prima guerra mondiale: quando la Finlandia apparteneva alla Russia, Haparanda era l’unico contatto tra i paesi dell’Occidente e i grandi imperi dell’Est. Tuttora è un luogo importante per il commercio e lo shopping, qui c’è l’IKEA più settentrionale del mondo. A sud di Haparanda e Kalix, nel Golfo di Botnia, si trovano centinaia di isole dove si pesca il coregone bianco, da cui si ricava il prezioso caviale rosso, “löjrom”, la materia prima più esclusiva della Lapponia svedese. Nell’entroterra la cittadina Överkalix è situata tra fiumi e torrenti che dividono il territorio in isolotti e piccoli promontori circondati da vaste foreste come pure Övertorneå sulle rive del Torne. Appena più a nord passa il Circolo Polare Artico e continuando ancora più a nord, oltre il paesino di Pajala si raggiungono le prime montagne. La vallata del fiume Torne è un singolare crogiolo culturale in cui svedesi, finlandesi e Sami convivono fianco a fianco dal 17 ° secolo. I residenti locali vivono con un piede in ogni paese e la maggior parte parla sia lo svedese sia il finlandese che il meänkieli, una lingua di minoranza.

Coregone alla brace – foto Michael Tornkvist

 

Questa parte della Lapponia svedese è una destinazione ideale per i viaggi lenti, e per chi vuole conoscere la cultura locale, pernottando nelle strutture ricettive a conduzione familiare o fermandosi nei numerosi campeggi della zona. Solo così si ha tutto il tempo di vivere la natura con calma: dalla costa, ai grandi fiumi all’entroterra selvaggio, incontrando gli abitanti del posto che invitano i visitatori a far parte del loro stile di vita artico e scoprendo la gastronomia locale ricca di specialità mai assaggiate prima. Escursioni a piedi, in mountain bike o in quad, tour in canoa, pesca, rafting, passeggiate con i cani husky, avvistamento degli orsi e foche sono alcune delle attività da vivere, approfittando delle notti illuminate dal sole di mezzanotte fino alla fine di luglio. Ad agosto le giornate iniziano ad accorciarsi e nella parte settentrionale dell’Heart of Lapland si può già vivere l’esperienza dell’aurora boreale a partire dalla metà del mese. A settembre, l’autunno artico, la natura regala un’esplosione di colori, le notti sono fresche e tante le possibilità di vedere l’aurora boreale.

escursione sui fiumi – foto Explore the north

 

A sud di Kalix e Haparanda si trovano i due arcipelaghi più settentrionali della Svezia composti da 1444 isole, alcune delle quali fanno parte del parco nazionale dell’arcipelago di Haparanda. In inverno, gli abitanti locali si recano nel Golfo di Botnia per una passeggiata sul mare ghiacciato, per un giro in motoslitta o per pescare attraverso un buco nel ghiaccio. In estate, invece, agli abitanti piace visitare le isole per nuotare e prendere il sole sugli scogli e sulle spiagge sabbiose, fare kayak o raccogliere bacche e funghi. L’isola più grande del parco nazionale è Sandskär, un tempo base per la caccia alle foche e per la pesca alle aringhe. La natura è varia con spiagge e boschi dove è possibile incontrare alci lungo il sentiero naturalistico intorno all’isola. All’estremità dell’arcipelago, a un’ora di barca dalla terraferma, si trova Malören, un’isola simile a un atollo e riserva naturale. Qui ci sono spiagge, casette rosse di pescatori, un faro, una caratteristica cappella del XVIII secolo ed è possibile alloggiare nel cottage del pilota.

Potresti essere interessato a:  Dresda e l’Elbland
Isola di Malören – foto Maria Larsson

 

A 200 km sopra il Circolo Polare Artico e non lontano dalle montagne si trova il piccolo villaggio di Lannavara sul fiume Lainio. Sono solo 80 le persone ci vivono tutto l’anno e l’allevamento delle renne è l’occupazione più comune. Qui Sara e Johan Väisänen gestiscono il rifugio Aurora Mountain lodge e organizzano diverse attività come camminate guidate attraverso foreste incontaminate fino in cima delle montagne. Il sole di mezzanotte invita a fare passeggiate notturne, ma già da metà agosto si può partecipare a escursioni con la speranza di vedere il cielo illuminato dalle aurore boreali. Chi ama i cani non può mancare una visita ai grandi allevamenti di husky della famiglia, qui e al villaggio Särkimukka dove si trova l’altro loro alloggio, Pinetree lodge, con un totale di 240 husky che amano essere coccolati e portati a fare una passeggiata nella foresta.

cucciolo di renna – foto Hulkoffgården

 

La sauna, o bastu in svedese, è naturale per gli abitanti della Lapponia tanto quanto il sole di mezzanotte e l’aurora boreale. Il luogo migliore per immergersi nella cultura della sauna è a Kukkola, un antico villaggio di pescatori appena a nord di Haparanda. Qui ha la sua sede l’Accademia svedese della sauna, e si può imparare tutto sull’arte di fare la sauna in un piccolo museo. Al resort Kukkolaforsen ci sono ben 13 tipi di bastu di epoche e luoghi diversi, la più grande delle quali, la sauna del villaggio, può ospitare fino a 60 persone! Kukkola è altrettanto conosciuta per il rafting sulle rapide di Torne e per la pesca tradizionale del coregone che dal XVI secolo viene pescato nel fiume con una retina speciale a manico lungo e poi cucinato.

L’incontro con gli animali selvatici
Le vaste foreste della Lapponia ospitano numerosi animali selvatici. A 200 km a nord del Circolo Polare Artico su un’isoletta nel fiume Muonio al confine con la Finlandia si trova Rajamaa, una piccola impresa familiare, che offre diverse esperienze nella natura, come l’avvistamento degli orsi e dei castori. È una sensazione magica camminare silenziosamente attraverso la taiga nelle luminose serate estive fino al capanno d’osservazione dove si trascorre la notte e da dove si ha buone possibilità di vedere da vicino l’orso bruno, così come le aquile e altri animali della fauna locale. Durante il safari al castoro, ci si addentra nella riserva naturale di Pessinki e dalle rocce sopra il fiume Merasjoki si possono osservare i castori al lavoro vicino al loro rifugio in fondo alla riva. Rajamaa è certificata dal Nature’s Best Sweden, il marchio nazionale dell’ecoturismo.

Orso – foto Michel Tornkvist

 

L’esperienza esclusiva di pesca al salmone baltico nel fiume Lainio
Quest’estate la compagnia di pesca Fish your dream lancia un’esperienza di pesca a mosca davvero esclusiva nel fiume Lainio nella Lapponia svedese nord-orientale. È una pesca al grande salmone baltico molto emozionante ed è uno dei pochissimi tratti di fiume privati ricchi di salmone in Svezia. Si pesca lungo un tratto di 10 km e si vendono solo 8 canne a settimana. Tutta la pesca viene effettuata con una guida, che prepara anche il pranzo in riva. Il fiume Lainio è facile da guadare e le possibilità di catturare il salmone da sogno sono maggiori qui che in molti altri posti. 

Pesca al salmone – foto Stuart Davis, Hooké

 

Esperienze culinarie
Le esperienze culinarie nella Lapponia svedese sono molte ed emozionanti, specialmente nella Lapponia svedese orientale, dove la cultura del cibo è un misto di tradizioni culinarie svedesi, finlandesi e sami. Ristoranti e alloggi a conduzione familiare dalla costa all’entroterra servono le specialità locali in diverse varietà. Le estati lunghe e luminose forniscono bacche gustose come mirtilli e lampone artico. I fiumi e i laghi forniscono pesce fresco come il coregone, il salmone e il luccio e tra le carni le più particolari sono l’alce e la renna. La materia prima più esclusiva della Lapponia svedese è il caviale di Kalix, il primo prodotto svedese a denominazione di origine protetta, un caviale rosso che si ottiene dalle uova del coregone bianco pescato solo per tre o quattro settimane l’anno, a partire dalla fine di settembre.
Un diverso tipo di esperienza culinaria si sperimenta visitando Huuva Hideaway che si trova nel piccolo villaggio sami Liehittäjä. Pia e Henry Huuva raccontano della cultura sami, della natura e delle tradizioni culinarie. Si esce insieme nella natura per raccogliere ciò che si trova nella dispensa della natura, e dopo aver acceso un fuocherello, si prepara un pranzo tradizionale che si mangia su un grande tavolo di legno in mezzo al bosco. Chi desidera può scegliere la variante “fai da te” dove si ottiene una ricetta e un cesto di ingredienti da cucinare su fornello da campeggio.

Potresti essere interessato a:  Stadshaven Brouwerij, il più grande birrificio d’Europa
Pasto all’aperto – foto Huuva Hideaway

 

 

Ulteriori info
www.heartoflapland.com
www.swedishlapland.com
Karin Melin
karin.melin.it@gmail.com

Campeggi della zona
https://heartoflapland.com/accommodation/

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on pinterest
Share on email
Potrebbe interessarti
Turismo: in bici sui laghi della Carinzia

La regione carinziana di Villach (Lago di Faak – Lago di Ossiach) offre la perfetta combinazione di paesaggi montani e lacustri da vivere sulla bicicletta. Su strada, in mountain bike, in e-bike, off-road o su una ciclabile, questa località è la meta ideale per sportivi e famiglie

Dresda e l’Elbland

Arte, cultura e natura a Dresda, una delle città più affascinanti e ricche di storia delle Germania, attraversata dal fiume Elba che riserva tante esperienze lungo le rive percorse da una meravigliosa pista ciclabile

Fiandre in bici

Un territorio che evoca le grandi gare classiche in bici e che offre le sue piste
ciclabili di incredibile valore turistico e iconico. Dal 25 giugno sono stati inaugurati gli ultimi due itinerari di un grande complesso articolato di nove percorsi

Musica rigenerante in Tirolo

L’organo più grande del mondo (Patrimonio Unesco), da 90 anni suona ogni giorno, udibile a chilometri di distanza: si trova a Kufstein, in Tirolo e

Gli ultimi articoli

Redazione

Un viaggio nel tempo tra i vitigni centenari delle Langhe

La Collezione Grinzane Cavour ospita circa 500 vitigni storici, già scomparsi in diverse aree d’Italia e del mondo, visibili ora solo qui nelle Langhe, ai piedi di uno dei castelli di proprietà del Conte Camillo Benso di Cavour

Redazione

Anche la nautica a Turismo e Natura

L’evento Turismo e Natura, in programma alla fiera di Montichiari dal 12 al 14 novembre, prevede uno spazio dedicato alla nautica oltre all’esposizione di camper

a.cortellessa

Il valore della pausa

Dopo quasi due anni di emergenza sanitaria e il lento ritorno alla normalità, la situazione vissuta ci ha insegnato a dar maggior valore alla “pausa”. In camper, la pausa è ovunque …

Redazione

TTG a Rimini: risale la fiducia nel turismo

La fiera per operatori professionali dedicata al turismo si è chiusa con un’affluenza che ha sfiorato i livelli pre-pandemia: ben 1.800 i brand presenti dall’Italia e dall’estero

Dimensione testo-+=