Shell Helix Ultra 0W Carbon Neutral

Il lubrificante ad impatto zero di CO2 per autotrazione, una nuova gamma di oli motore per sostenere il programma a impatto zero di CO2e di Shell Lubricants e rispondere alle richieste di scelte più sostenibili

Tempo di lettura: 3 minuti

 

Shell Lubricants ha lanciato sul mercato italiano il lubrificante Shell Helix Ultra 0W Carbon Neutral, ovvero a zero impatto di CO2, che offre al settore automotive un olio motore più sostenibile senza rinunciare alla qualità e alle prestazioni che hanno reso Shell Helix Ultra famoso in tutto il mondo. Prodotto di punta della gamma Shell Helix, è capace di assicurare massime performance in ogni condizione di guida, minore usura del motore, livelli di pulizia e protezione impareggiabili.
Il lancio dei prodotti Carbon Neutral, di cui fa parte la gamma Shell Helix, rappresenta attualmente il più importante programma a impatto zero di CO2 nel settore dei lubrificanti e fa parte della strategia globale di Shell Lubricants, che mira a compensare ogni anno le emissioni per l’intero ciclo di vita di oltre 200 milioni di litri di lubrificanti sintetici avanzati, equivalenti alle emissioni generate da 340.000 automobili, ponendosi l’obiettivo di arrivare a compensare oltre 700.000 tonnellate di CO2e all’anno.


Con i lubrificanti Shell Helix Carbon Neutral Shell sostiene inoltre, in diverse parti del mondo, numerosi progetti nature based che contribuiscono alla compensazione delle emissioni di gas serra che non possono essere altrimenti evitate, una parte integrante dell’impegno di Shell per bilanciare le emissioni legate ai propri prodotti, per preservare la biodiversità.


Secondo recenti studi di marketing, a livello mondiale 3 automobilisti su 4 hanno dichiarato di prestare crescente attenzione alle tematiche ambientali e di voler contribuire a ridurre le emissioni generate dai propri veicoli; inoltre il 43% dei consumatori dichiara di preferire brand che li supportino nelle loro scelte di sostenibilità. Shell Helix Ultra 0W, in virtù della sua formulazione tecnologicamente avanzata, offre massime prestazioni efficienza e benefici in termini di fuel economy.


Shell Lubricants ha introdotto da diversi anni molteplici azioni al fine di evitare e ridurre le emissioni di CO2, utilizzando sempre più energia rinnovabile nei processi di produzione dei lubrificanti, eliminando gli sprechi e aumentando l’efficienza energetica. I lubrificanti nature based a impatto netto pari zero di CO2 di Shell saranno disponibili nei principali mercati europei, tra cui Regno Unito, Germania, Francia, Italia, Spagna, Polonia, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo e Turchia.
I prodotti Shell Carbon Neutral fanno parte di diverse gamme, tra cui Helix per le automobili, Rimula per i motori diesel per autotrazione pesante, oltre che per una vasta gamma di lubrificanti industriali

Potresti essere interessato a:  CamperCheck

Per maggiori informazioni www.shell.com

I Progetti Nature Based
I progetti nature based proteggono, trasformano o ripristinano il territorio, con l’obiettivo di far assorbire dall’ecosistema il maggior quantitativo possibile di CO2 dall’atmosfera.
La tutela e la ricostruzione degli ecosistemi naturali – come foreste, praterie e torbiere – riducono la concentrazione dei gas serra nell’atmosfera. Queste attività servono inoltre per la creazione, la commercializzazione, lo scambio e la vendita dei crediti di carbonio e contribuiscono a offrire numerosi altri vantaggi, poiché migliorano la biodiversità e la qualità delle acque, proteggono contro le inondazioni e provvedono allo sviluppo delle comunità.
Shell sta sviluppando un ventaglio di iniziative nature based di alto profilo, tra cui si annoverano in primo luogo i progetti Katingan Mentaya in Indonesia e Cordillera Azul in Perù. In Europa Shell supporta Staatsbosbeheer, il Dipartimento forestale nazionale olandese in un progetto che prevede la piantumazione di oltre 5 milioni di alberi nei prossimi 12 anni. In Spagna, Shell collabora con Land Life Company a un progetto pilota di riforestazione di 300 ettari grazie al quale a oggi sono stati piantati all’incirca 300.000 alberi nella regione Castiglia e León. Ulteriori informazioni sugli investimenti di Shell nei progetti nature based sono disponibili sul sito: www.shell.com/naturebasedsolutions

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on pinterest
Share on email
Potrebbe interessarti
CamperCheck

Un sistema semplice ed economico per il controllo delle batterie via cellulare, ma anche per altre funzioni come misurazione della temperatura o accensione di un interruttore

Potresti essere interessato a:  Litio? Anche io!
Membrapol, My Home in Camper

L’azienda conosciutissima per i suoi rivestimenti impermeabilizzati, ha recentemente lanciato una linea di resine colorate per gli interni del camper

Litio? Anche io!

Un interessante impianto con batteria al litio e inverter da 2.000 watt in combinata, tutto della NDS

Lippert Platinum Circle Service Centers: assistenza al top

Lippert ha recentemente lanciato un progetto per creare una rete di vendita e assistenza di officine selezionate sul mercato italiano, specializzata sui prodotti del brand americano. Un progetto pilota che sarà esportato in tutta Europa

Il controllo degli pneumatici

Nei prossimi due/tre mesi, le gomme dei camper sono chiamate ad un super lavoro: caldo, lunghe percorrenze, sovraccarico sono tutti fattori che, uniti alla possibile

Gli ultimi articoli

Redazione

TTG a Rimini: risale la fiducia nel turismo

La fiera per operatori professionali dedicata al turismo si è chiusa con un’affluenza che ha sfiorato i livelli pre-pandemia: ben 1.800 i brand presenti dall’Italia e dall’estero

Redazione

Sagra della Ciuìga

Al via la ventesima edizione, a San Lorenzo in Banale, nelle Dolomiti della Paganella. Dal 29 ottobre al primo novembre, si celebra il tipico insaccato locale oggi presidio Slow Food tra degustazioni, eventi, visite, artigianato e menù a tema

a.cortellessa

Contro il freddo

I riscaldatori a gasolio sono sempre più diffusi sui camper anche in primo equipaggiamento, visti gli oggettivi vantaggi che offrono. Perché non pensare ad un sistema ausiliario di riscaldamento “diesel” se il nostro camper non ne è dotato?

Dimensione testo-+=