Il camper come terapia

Tempo di lettura: 3 minuti

Contro il logorio della vita moderna, il famoso slogan degli anni settanta, è quanto mai attuale: il camper è l’antidoto per ritrovare il piacere di viaggiare in piena sicurezza e serenità, insieme ai propri cari e senza stress: la chiamano Campertherapy. Un’indagine del Salone del Camper conferma questo andamento

A causa o, se vogliamo ribaltare il punto di vista, grazie al Covid, il camper e la vacanza itinerante hanno ricevuto un improvviso impulso di proporzioni enormi, tali che neanche la più grande e articolata campagna pubblicitaria avrebbe potuto ottenere. In tantissimi hanno scoperto o riscoperto il piacere di viaggiare senza dover prenotare con mesi di anticipo, senza orari e tappe fissi, senza ansia da cancellazione volo, senza dress code da esibire nella località alla moda. Piuttosto una vacanza all’insegna della serenità, del piacere di fermarsi dove ci piace nella località scoperta per caso durante il viaggio, del cenare sotto le stelle nel silenzio del verde, nel sentirsi liberi e con il tempo scandito dai ritmi che vogliamo e non da quelli imposti. Un giorno, un weekend o un mese poco importa, in camper anche la gita giornaliera diventa una piccola e gratificante avventura.
Una filosofia di vita che sta diventando sempre più contagiosa, perché permette di vivere le proprie passioni nella natura, in sicurezza e in libertà. Del potere terapeutico del camper si è parlato lo scorso 10 giugno nel Lab Webinar “Campertherapy: emozioni e motivazioni di viaggio, vacanza, weekend in libertà”, organizzato dal Salone del Camper di Parma. Un approfondimento delle motivazioni del perché viaggiare in camper: rilassarsi, recuperare le energie e dedicarsi a quello che più si ama, lasciarsi alle spalle i problemi di lavoro, la routine di tutti i giorni e a regalarsi del tempo per quello che più ci fa stare bene. Viaggiare con la famiglia, visitare antichi borghi, praticare le proprie passioni sportive nella natura, trekking in collina o in montagna, mare, lago, pedalare in mountain bike. L’importante è partire alla ricerca di emozioni. Il camper è tutto questo. La possibilità di concedersi del tempo appena se ne sente il bisogno. “Il camper è come una lampada di Aladino che aiuta a realizzare i propri desideri più reconditi – precisa Gloria Oppici, Brand Manager Salone del Camper Fiere di Parma -. Una vera e propria terapia di rinascita, perché offre la possibilità di rigenerarsi concedendo a sé stessi del tempo libero vero, da vivere a contatto ravvicinato con la natura, dedicandosi alle passioni e training sportivo, in intimità con le persone più care e gratificandosi con soste golose alla ricerca dei prodotti tipici diffusi in quel grande atlante della biodiversità che è la nostra Italia”.

Potresti essere interessato a:  Prenotazioni di camper-sharing: è boom
foto courtesy Carado

Estate 2021, cresce la voglia di camper

Un sondaggio realizzato dal Salone del Camper di Parma, intervistando i visitatori che lo scorso anno hanno partecipato al Salone, sulle tendenze e le scelte per l’estate 2021 ha chiarito quale sia il target della vacanza: in Italia, in famiglia, soprattutto al mare e se possibile per due settimane. All’indagine hanno partecipato più di 5.000 persone: il dato finale conferma la tendenza a scegliere la vacanza in camper per l’estate 2021. La quasi totalità del panel degli intervistati, l’88%, ha affermato che rimarrà in Italia per le vacanze. Il 43% degli intervistati andrà in vacanza con la famiglia, mentre il 40% in coppia. La meta preferita risulta essere il mare per il 62% degli intervistati, il 25% sceglierà la montagna, l’8% andrà alla scoperta delle città d’arte. Il periodo preferito si conferma agosto, 55%, seguito da luglio, 41%, settembre 22% e giugno 20%. L’estate 2021 sarà dedicata alla voglia di recuperare le energie e rilassarsi per il 62% degli intervistati. Il 55% riuscirà a regalarsi 2 settimane di vacanza, il 17 % riuscirà a concedersi un mese, mentre il 16% una settimana.

(foto copertina courtesy Tourne)

www.salonedelcamper.it

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on pinterest
Share on email
Potrebbe interessarti
Museo Retro Camping

Il primo museo italiano dedicato al campeggio, in occasione dell’evento “ville aperte” in Brianza 25 e 26 settembre, ha aperto le sue porte presso il Palazzo Bassi Brugnatelli

Potresti essere interessato a:  2020, il camper è stato protagonista
Camper e disabilità, un tema irrisolto per l’Iva

Assocamp, nel corso di una sentita conferenza stampa al salone, ha ribadito a gran voce alle autorità competenti la richiesta dell’iva al 4% per disabili anche per i camper, unici veicoli attualmente esclusi dall’agevolazione

Campermagazine.tv

Da quasi quindici anni l’unico sito che ha fatto del format tv la sua specializzazione: commenti, interviste, clips che raccontano l’universo camper con professionalità e video realizzati a regola d’arte

Hippie Caviar Hotel

Un concept di Renault per la voglia di evasione in camper, con servizi a cinque stelle dedicati: lo vedremo al salone di Duesseldorf

A scuola di camper

Al Salone del camper di Parma, dall’11 al 19 settembre, debutta un nuovo format: nove tutorial per aiutare chi fosse alle prime armi al debutto in libertà on the road

Gli ultimi articoli

Redazione

Un viaggio nel tempo tra i vitigni centenari delle Langhe

La Collezione Grinzane Cavour ospita circa 500 vitigni storici, già scomparsi in diverse aree d’Italia e del mondo, visibili ora solo qui nelle Langhe, ai piedi di uno dei castelli di proprietà del Conte Camillo Benso di Cavour

Redazione

Anche la nautica a Turismo e Natura

L’evento Turismo e Natura, in programma alla fiera di Montichiari dal 12 al 14 novembre, prevede uno spazio dedicato alla nautica oltre all’esposizione di camper

a.cortellessa

Il valore della pausa

Dopo quasi due anni di emergenza sanitaria e il lento ritorno alla normalità, la situazione vissuta ci ha insegnato a dar maggior valore alla “pausa”. In camper, la pausa è ovunque …

Redazione

TTG a Rimini: risale la fiducia nel turismo

La fiera per operatori professionali dedicata al turismo si è chiusa con un’affluenza che ha sfiorato i livelli pre-pandemia: ben 1.800 i brand presenti dall’Italia e dall’estero

Dimensione testo-+=